Quotidiani locali

Tragedia di Pozzuoli: il piccolo sopravvissuto riabbraccia i nonni

Dopo l'incubo di aver visto mamma, papà e fratellino sprofondare in una voragine della Solfatara ha potuto ricevere un po' d'affetto

Il vulcanologo: "Anidride carbonica letale, c'era poco tempo per salvare la famiglia" "L'anidride carbonica che si accumula nelle cavità della Solfatara è letale, c'era poco tempo per salvare la famiglia che è morta nel cratere". Il vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo, spiega la conformità del luogo della tragedia: "La pioggia di questi giorni può aver modificato la consistenza del suolo". (testo anna laura de rosa, video riccardo siano)

POZZUOLI. Ora ha qualcuno da abbracciare, un po' meno solo dopo una tragedia da incubo. Il piccolo di  7 anni unico superstite della famiglia di Meolo - il papà Massimiliano Carrer, la mamma Tiziana Zaramella e il fratellino Lorenzo, di 11 anni - che ieri mattina ha perso la vita nei pressi di una 'fangaia' del vulcano Solfatara di Pozzuoli (Napoli), è stato affidato ai nonni paterni. Accanto a loro anche la mamma  e la sorella della mamma Tiziana, con suo marito.

leggi anche:

Il piccolo, che ha vissuto l'incubo di vedere tutta la sua famiglia "divorata" da un cratere che si è aperto sotto i loro piedi, ha chiesto per ore in lacrime dov'era la sua mamma. Subito soccorso  da alcuni turisti presenti, dalle guide del cratere, è stato rifocillato dal gestore del bar Solfatara, dov'era stato portato per allontanarlo dalla scena del dramma dove le squadre di soccorso dei vigili del fuoco stavano tentando di recuperare i corpi senza vita dei suoi familiari. Poi ha atteso l'arrivo dei nonni e degli zii con i responsabili dei servizi sociali del comune di Pozzuoli ed stato assistito da due psicologi.

Solfatara: ecco la voragine in cui hanno perso la vita tre persone Tragedia alla Solfatara, ecco la voragine in cui hanno perso la vita tre persone di Meolo, in provincia di Venezia. Madre, padre e primogenito sono morti sotto gli occhi del figlio più piccolo, di 7 anni appena. La coppia ha cercato disperatamente di salvare il figlio più grande scivolato in una voragine che si è aperta nel cratere. (anna laura de rosa e riccardo siano)

I nonni del piccolo sono atterrati all'aeroporto di Capodichino in tarda serata: ad attenderli il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, che li ha accompagnati in un albergo cittadino dove hanno potuto riabbracciare il nipotino.

leggi anche:

I Carrer si tratterranno a Pozzuoli il tempo necessario per espletare le pratiche burocratiche ed il riconoscimento delle salme trasferite da ieri pomeriggio al secondo Policlinico di Napoli per l'esame autoptico disposto dal magistrato che conduce le indagini.

 

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE PER GLI AUTORI

Stampare un libro, ecco come risparmiare