Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Venezia 74, Leone d’Oro a “The shape of water” di Del Toro

La favola-musical del regista messicano conferma il pronostico e vola verso gli Oscar. Coppa Volpi a Charlotte Rampling

VENEZIA. Il Leone d’Oro della 74esima edizione della Mostra internazionale del cinema di Venezia va a “The shape of water” (in italiano “Il labirinto del fauno”, la favola-musical di Giullermo Del Toro.

Pronostici della vigilia tutto sommato confermati, con il film del regista messicano che ha la meglio sull’altro favorito della vigilia ovvero “Three billboards outside Ebbings, Missouri” di Martin McDonagh.

'Shape of water', il fantasy storico di Guillermo Del Toro

The Shape of Water tratta «di vari argomenti - spiega ancora il regista de Il labirinto del fauno -. Si balla, si fa sesso e c'è anche una deriva politica, quella dell'amore che vince sulla paura. Certo c'è anche la favola della Bella e la bestia, ma qui non nella versione puritana. Elisa fa sesso, si masturba, e tutto questo in modo naturale».

È vero, aggiunge «il dio-pesce non ha un nome, volevo fosse così. È solo un essere che per molti è una cosa sporca e, per altri, un essere sacro, un pò come Teorema di Pasolini».

Guillermo Del Toro

Per quanto riguarda il progetto su Pinocchio, dice Guillermo Del Toro: «sono dieci anni che cerco finanziamenti e ho già pronte marionette e disegni, ma per tutti i film che voglia fare mi complico sempre la vita. Ho avuto molte telefonate dagli Studios per il mio Pinocchio 'antifascistà (il film è ambientato in Italia tra le due guerre), ma poi non se ne fa più nulla».

Tra le curiosità, la bravissima Sally Hawkins aveva scritto prima di Del Toro una breve sceneggiatura per un corto in cui una donna si innamora di un Tritone: «quando mi ha chiamato Del Toro e mi ha detto del mio ruolo - ha detto l'attrice oggi al Lido, mi è cascato il telefono dalle mani».

Coppa Volpi: migliore attrice

La Coppa Volpi per la migliore attrice va a Charlotte Rampling protagonista del film “Hannah” di Andrea Pallaoro. Un intenso ritratto di dolore al femminile.

Charlotte Rampling