Quotidiani locali

Vaccini, ressa e code in ospedale

San Donà. Appuntamenti fin dalle 6.30 del mattino. Impegno straordinario del personale dell’Usl 4

SAN DONÀ . Ressa in ospedale, tutti in coda anche dalle 6.30 di mattina davanti alla sede vaccinale. L’azienda attende ancora comunicazioni ufficiali sulla moratoria da 0 a 6 fino al 2019 e per il momento tutto resta come prima. Anche il direttore del dipartimento dottor Luigi Nicolardi nei giorni scorsi si è seduto con il personale a preparare i certificati. Sono i documenti indispensabili per le iscrizioni alla scuola obbligatoria.

In realtà è possibile scaricare i moduli in rete senza doversi recare nella sede. Ma da lunedì mattina nella confusione si sono ritrovati in coda un po’ tutti anche quelli che i vaccini li avevano già fatti. È intensa e in pieno corso l’attività degli operatori del Servizio Igiene Pubblica del Dipartimento di Prevenzione della Usl 4 per assicurare gli adempimenti previsti dalla legge che ha introdotto l’obbligo vaccinale necessario per l’iscrizione negli asili nido, scuole materne e scuole dell’obbligo. Nell’azienda sanitaria, che include 20 comuni della Venezia orientale, l’attività riguarda circa 600 bambini sino ai 6 anni d’età, e altri circa 1000 bambini in età compresa tra 7 e 16 anni corrispondenti al 5% dei nuovi nati che non hanno aderito alle vaccinazioni proposte. Poi ci sono quelli già vaccinati.

L’attività è garantita in tutte le sedi ambulatoriali vaccinali pediatriche dell’Usl 4 e viene svolta in concomitanza con l’attività vaccinale ordinaria, oppure inserendo sedute settimanali aggiuntive. Ciò ha comportato notevole incremento del carico di lavoro del personale, oltre a questo è stato necessario acquisire un ulteriore quantitativo di dosi di vaccino da somministrare: esavalente (poliomelite, tetano, difterite, pertosse, epatite b, haemophilus influenzae b), contro il morbillo, parotite, rosolia, varicella. In tutte le sedi vaccinali, personale del dipartimento di prevenzione è inoltre disponibile a fornire informazioni ai genitori, fissare le sedute volte al recupero dei vaccini non eseguiti e a rilasciare (ai bambini entro i 16 anni) i certificati da consegnare agli istituti scolastici che attestano lo stato delle vaccinazioni sulla base di quanto indicato sull’anagrafe vaccinale pediatrica. Per i bambini e ragazzi da 6 a 16 anni la scadenza per la presentazione dell’autocertificazione è stata fissata al 31 ottobre 2017. I servizi vaccinali pediatrici dell’Usl 4 sono
attivi e disponibili a Eraclea, Jesolo, San Donà, San Stino, Caorle, Portogruaro, San Michele e Torre di Mosto. Contatti e orari delle strutture sono disponibili sul portale aziendale www. aulss4. veneto. it nella sezione “Il cittadino” e poi “infanzia”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista