Quotidiani locali

Raffica di furti nel Miranese, il decalogo dei carabinieri contro i ladri

Mirano. I consigli degli esperti per difendersi: dai gruppi di controllo di vicinato alle luci accese

MIRANO. Sembrano tornati. O forse non se ne sono mai andati. Nelle ultime settimane, le cronache del Miranese raccontano di furti nelle case, nel cuore della notte oppure sfruttando l’assenza degli inquilini, fuori per le meritate vacanze o per delle ore di riposo e refrigerio in questa torrida estate. Chi più, chi meno, i sette Comuni del comprensorio hanno subìto il “passaggio” dei malviventi, che si sono impossessati di soldi, preziosi, oggetti di valore. Casi recenti se ne sono avuti a Martellago, a Maerne, nel Salese, in precedenza è toccato anche a Noale, Salzano, Mirano, Spinea. Ma cosa fare? Come difendersi?

In molte aree sono attivi da tempo i controlli di vicinato, come Noale, Martellago, Spinea, Santa Maria di Sala e, da ultimo, anche Mirano dove si è pronti per partire. Altri sono pronti a nascere. Lavorano aiutandosi a vicenda, si cercano e comunicano attraverso i telefonini, hanno come referente i carabinieri: non appena si nota qualche movimento sospetto o delle intrusioni, si avvisa subito l’Arma.

Però ci sono anche degli accorgimenti da tenere; nelle scorse settimane, il capitano della Compagnia di Mestre dei carabinieri, Antonio Bisogno, intervenendo a un’assemblea pubblica con i cittadini di Salzano proprio per parlare del tema furti e come comportarsi, aveva stilato una sorta di vademecum da tenere per rendere la vita più difficile ai malintenzionati. Si va verso la stagione fredda, le giornate si accorciano, tra meno di due mesi tornerà l’ora solare e a metà pomeriggio farà già buio. Tutti elementi che “giovano” ai ladri, che sfruttano l’assenza degli inquilini per lavoro e ne approfittano per entrare in casa. Così l’aiuto tra vicini diventa importante, parlarsi, “coprirsi” l’uno con l’altro.

Poi le telecamere, gli antifurti o le luci accese in giardino possono essere un buon deterrente, ma anche controllare gli infissi è utile. Fare attenzione a chi si apre la porta, alle truffe telefoniche, specie ai danni di anziani. Pubblicizzare il meno possibile le assenze, perché pure i malintenzionati s’informano e controllano Internet. E se si scoprisse un furto, non entrare in abitazione ma allontanarsi e chiamare le forze

dell’ordine. I numeri utili sono 800.316323 per la Polizia locale dell’Unione del Miranese, ogni stazione dei carabinieri ha un proprio numero ma dalle 20 in poi meglio comporre il 112 o il 113, attivi, comunque, 24 ore su 24.


 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista