Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Porto Marghera: il fotografo-operaio e un patrimonio di 15 mila immagini

Sono gli inizi degli anni Ottanta, quando Filippo Alessandro Nappi assieme a Daniele Resini e Mario De Fina iniziano a raccogliere materiali

PORTO MARGHERA. Al lavoro, imponente, sulla storia di Porto Marghera, di cui ricorrono i cent’anni, si deve molto anche alle immagini lasciate da fotografi che hanno dedicato gran parte della loro vita a raccontare la vita di fabbrica.

È possibile una rinascita di Porto Marghera, gli chiediamo.

«Prima servono le bonifiche. È una questione vincolante per qualsiasi investitore. Servono milioni di euro per terminare il ma ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORTO MARGHERA. Al lavoro, imponente, sulla storia di Porto Marghera, di cui ricorrono i cent’anni, si deve molto anche alle immagini lasciate da fotografi che hanno dedicato gran parte della loro vita a raccontare la vita di fabbrica.

È possibile una rinascita di Porto Marghera, gli chiediamo.

«Prima servono le bonifiche. È una questione vincolante per qualsiasi investitore. Servono milioni di euro per terminare il marginamento. Serviranno milioni di euro per le manutenzioni. E qui si è consumato il più grande scandalo di tutti i tempi, quello del Mose. Venezia resta un tema nazionale, tutt’altro che locale».

©RIPRODUZIONE RISERVATA