Quotidiani locali

«Le barriere lungo le Ztl non si possono comprare»

L’appello dei sindaci del litorale dopo le indicazione del Comitato sicurezza Codognotto: «Una ogni 100 metri sulle passeggiate ma i bilanci sono bloccati»

JESOLO. Sicurezza sulle spiagge, i sindaci della costa hanno concordato le misure contro il terrorismo. E le risorse potrebbero arrivare dagli avanzi di bilancio svincolati per finanziare strutture speciali sulle isole pedonali.

Nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura a Venezia, prefetto, questore, responsabili della forze dell’ordine e sindaci hanno approfondito vari temi di stringente attualità. Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento-Bibione, e coordinatore dei sindaci del litorale, ha illustrato le possibili misure per le passeggiate pedonali e altri obiettivi a rischio in ogni località. «Per tutelare i turisti lungo le isole pedonali», spiega, «il questore, di concerto con i tecnici delle forze dell’ordine, ha ipotizzato sbarramenti lungo le strade pedonali a distanza di qualche centinaia di metri l’una dall’altra, per impedire a qualsiasi mezzo condotto da terroristi di percorrerne lunghi tratti. La soluzione è apprezzabile e condivisibile, ma per attuarla i sindaci hanno assoluta necessità di poter spendere parte degli avanzi di bilancio che sono cospicui per ogni realtà turistica. Pur di fronte a fatti come quelli di Barcellona, solo per citare gli ultimi, i Comuni anziché porre in atto azioni di contrasto coordinate con le autorità preposte, devono invece continuare ad accumulare risorse che norme statali obbligano a non utilizzare».

«Su questo fronte daremo battaglia», dice Codognotto, «perché i sindaci sono sempre in prima linea, anche con la propria coscienza, e sapere che si poteva fare qualcosa e non lo si è fatto per il solito asfissiante concetto di risparmio di spesa non ci sta più bene. Il mio Comune e gli altri del litorale non hanno mai dichiarato dissesti finanziari e sono realtà virtuose».

Lo stesso per il contrasto all’abusivismo commerciale. I Comuni possono gestire solo la polizia locale la quale in coordinamento con le altre forze dell’ordine
potrebbe però dare un contributo importante alla lotta al mercato illegale. «La cronica carenza di personale», conclude, «produce effetti significativi pur mettendo in campo con spirito di sacrificio tutta la professionalità e impegno possibili».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista