Quotidiani locali

portogruarese 

Record di pioggia a Lugugnana

Cassonetti ribaltati e transenne dell’isola pedonale a terra a Caorle

CAORLE. Maltempo, tanta paura anche nel Portogruarese, ma alla fine i danni sono stati inferiori rispetto al fortunale del 10 agosto scorso. Problemi significativi comunque si sono registrati a Caorle e San Stino. Il picco di pioggia si è registrato a Lugugnana di Portogruaro con 52 millimetri in appena 4 ore. Il primo bilancio dei danni in tutti gli 11 comuni del mandamento è di almeno 5 milioni di euro. Pioggia e vento sono stati molto intensi.

A Caorle molti cassonetti si sono ribaltati, così come le transenne dell’isola pedonale. In piazzale Falcetta, nella chiesa di Santa Margherita, si sono spezzati alcuni alberelli, mentre un fusto più consistente si è abbattuto sulla pista ciclabile di Porto Santa Margherita. Vento e grandine a San Stino e nelle frazioni.

A macchia di leopardo è andata via la luce da alcune abitazioni in media per un’ora. Durante il temporale è mancata la corrente anche in alcune abitazioni di Gruaro, in particolare a Giai. A Concordia Sagittaria è caduto un albero sulla provinciale di Cavanella, anche in questo caso sulla pista ciclabile. Il Consorzio di Bonifica Veneto orientale ha illustrato le statistiche sulle precipitazioni di ieri: a Summaga sono caduti 33 millimetri di pioggia; sul bacino del Cavrato,
nella zona di San Michele e Bibione 45, a Lugugnana 52. Non si sono registrate criticità dal punto di vista idrogeologico.

A Concordia Sagittaria, intanto, da tre giorni è cominciata la messa in sicurezza del Parco Archeologico dei Signini, devastato il 10 agosto. (r.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista