Quotidiani locali

Incidenti in autostrada code fino a 10 chilometri

Il più grave a San Stino tra un furgone e un camion: un ventidueenne milanese  elitrasportato all’ospedale dell’Angelo dov’è ricoverato in prognosi riservata 

SAN STINO. Giornata terribile ieri sull’autostrada A4, in carreggiata Est verso Venezia, per due incidenti. Il più grave è avvenuto a San Stino attorno alle 11: un giovane autista di un furgone, 22 anni d’età, residente nei dintorni di Milano, è finito addosso a un camion, rimediando un violento trauma toracico; le sue condizioni hanno richiesto il trasporto in elicottero all’ospedale dell’Angelo di Mestre dove è stato accolto in prognosi riservata (ma non sarebbe in pericolo di vita).

Precedentemente, attorno alle 7, invece, c’era stato un tamponamento tra camion, in territorio friulano, tra San Giorgio di Nogaro e Latisana, che aveva comportato la chiusura dell’A4 in quel tratto: le conseguenze si sono fatte subito sentire, visto che le code in provincia di Udine hanno raggiunto una quota di dieci chilometri. A distanza di molte ore dall’incidente di San Stino, nel pomeriggio, il traffico era ancora molto rallentato. Si viaggiava a passo d’uomo per oltre sette chilometri, in un tratto compreso tra le uscite di Portogruaro, zona Pradipozzo; e il territorio di Annone Veneto, nella frazione di Loncon.

Ormai i giorni problematici in A4 non si contano più. È di pochi giorni fa la notizia che il commissario per la terza corsia, Debora Serracchiani, ha firmato il protocollo d’intesa per allargare l’autostrada fino a Portogruaro. In effetti, per alcuni anni, come minimo fino al 2021, il territorio dovrà convivere con i cantieri per la realizzazione dell’attesa infrastruttura, che dovrebbe azzerare rallentamenti e incidenti. L’esempio più recente riguarda il tratto da San Donà a Roncade, un rettilineo che somiglia a una pista di aeroporto.

A San Stino, e non sembrano centrare molto le code generatesi nell’incidente avvenuto tre ore prima in Friuli, il 22enne di origine albanese, rappresentante di una ditta della Città metropolitana di Milano, dove abita, ha tamponato con violenza un camioncino che lo precedeva. Il traffico si è subito bloccato e sul posto sono intervenuti in rapida successione gli operatori sanitari del Suem 118 del Pronto soccorso di Portogruaro, gli agenti della Polstrada coordinati dal Coa di Udine, e gli addetti di Autovie Venete, per segnalare eventuali pericoli e rallentamenti. Il medico dell’ambulanza ha subito constatato la presenza di un forte trauma addominale. L’autista è rimasto sempre
cosciente, ma era in grave pericolo. È stato richiesto l’intervento dell’elisoccorso, su cui è stato caricato il ferito grave prima del trasferimento all’Angelo di Mestre. Rallentamenti si sono registrati per tutto il pomeriggio.

Rosario Padovano

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista