Quotidiani locali

Sull’A4 traffico da bollino nero tutti in coda verso il litorale

Ieri auto in colonna fin dalle 7, rallentamenti ai caselli per il mare e per piccoli incidenti Attivato il bypass verso l’A34 per Gorizia. Oggi viabilità a rischio anche sulla tangenziale di Mestre

SAN DONÀ. Tutti in viaggio verso le località di vacanza. L’ultimo fine settimana di luglio sulle autostrade del Veneto Orientale era indicato come il primo weekend da bollino nero dell’estate 2017. Così è stato, visto che il traffico è stato molto intenso. Ma, ed è la nota positiva, non si sono verificate eccessive congestioni o criticità. Forse anche grazie alle partenze scaglionate.

Già nella giornata di venerdì sull’A4, in direzione Trieste, si è registrato un flusso notevole di traffico, con transiti orari molto elevati, fino a 2 mila 500 veicoli all’ora. Ieri si è replicato. In entrambe le giornate Autovie, per alleggerire la pressione e smistare i transiti, ha attivato più volte il cosiddetto by-pass virtuale tra A4, A27 e A28. Attraverso i pannelli a messaggio variabile installati lungo l’autostrada, è stato indicato agli automobilisti di imboccare il percorso consigliato verso l’A27 e l’A28. In molti hanno seguito il suggerimento. Ieri il by-pass virtuale è stato attivato dalle 9 del mattino alle 16. Durante la giornata pochi, per fortuna, gli incidenti, tutti di lieve entità.

Code ai caselli. Sull’A4 ieri le prime code sono cominciate poco dopo le 7 del mattino, sul tratto tra Portogruaro e Latisana. Rallentamenti e code a tratti hanno contraddistinto poi l’intera giornata, interessando tutta l’autostrada, in direzione Trieste, tra San Donà e il bivio di Palmanova, interconnessione anche con l’A23. Code in uscita al casello di San Donà e, sia in entrata sia in uscita, a Latisana, che serve le spiagge di Bibione e Lignano. Il grande piazzale del casello di Latisana, capace di contenere oltre 500 veicoli, è rimasto sempre pieno, con code a fisarmonica durante tutta la mattinata, senza però mai interessare la dorsale autostradale. Qualche coda, ma risolta velocemente, anche in uscita ai caselli di San Stino e Cessalto.

Quanto agli incidenti, uno nella notte nella zona di Fratta con due feriti lievi. Un piccolo tamponamento tra tre vetture in mattinata. E un incidente, intorno alle 18, tra San Donà e Cessalto.

Odissea per la Croazia. Critica, invece, la situazione oltre confine. Si sono registrate, infatti, punte di oltre un’ora e mezza di attesa sia in entrata sia in uscita ai confini della Slovenia e della Croazia. Tantissimi i vacanzieri del Nordest che hanno scelto le coste slave. Tutto sommato bene è andata, invece, alla barriera di Trieste Lisert, dove i flussi intensi non hanno mai creato situazioni di sofferenza. La coda non ha mai superato i 3 o 4 chilometri in uscita dall’A4, con un’attesa di una decina di minuti. In ogni caso, per tutta la giornata, Autovie ha attivato il by-pass virtuale dall’A4 verso l’A34 in direzione Gorizia, per agevolare l’uso di frontiere alternative a quella di Trieste. Autovie, inoltre, ricorda a chi è diretto oltre confine che le vignette autostradali possono essere acquistate in diverse aree di servizio, senza dover affollare quella di Duino, ultimo autogrill in Italia. Le vignette sono disponibili già a Bazzera Sud sulla tangenziale di Mestre, nonché sull’A4 nelle stazioni di servizio di Fratta Sud, Calstorta Sud, Gonars Sud e Duino Sud. Inoltre a Brugnera Sud sull’A28 e a Zugliano Est sull’A23.

Le previsioni di traffico. Oggi il traffico si manterrà sostenuto, in entrambe le direzioni di marcia, sia sulla tangenziale
di Mestre che sull’A4 e l’A23, con possibili rallentamenti e code, ma di minor entità rispetto a ieri. Stop ai camion dalle 7 alle 22. Domani attenzione al traffico ancora intenso, soprattutto perché i mezzi pesanti riprenderanno a circolare regolarmente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro