Quotidiani locali

Musile di Piave, uccisa dall'ex marito che chiama il 112: "Sono stato io"

Il cadavere trovato in mattinata in un appartamento di via Dante 11, sul posto i carabinieri e il Pm

MUSILE. Femminicidio a Musile. Domenica mattina la cittadina alla destra del Piave si è svegliata in un incubo. In via Dante 11 è stato trovato il corpo di una donna senza vita, con diverse ferite da arma da taglio.

La vittima è Maria Archetta Mennella, 38 anni, originaria di Torre del Greco ( Napoli ) ma residente da qualche mese in un appartamento al secondo piano di uno stabile a Musile di Piave ( Venezia ). L'ex marito, che avrebbe confessato l'omicidio, è Antonio Ascione, 44 anni. La donna, chiamata dagli amici con il diminutivo di "Mariarca", appare nella sua pagina Facebook bella e sorridente. La coppia ha due figli che non erano presenti al momento dell'omicidio perchè in vacanza.

La donna, di 38 anni, era morta da alcune ore quando è stato lanciato l'allarme verso le 7 del mattino. A chiamare il 112 è stato l'ex marito che si è anche auto-accusato del delitto: "Sono stato io, l'ho uccisa", avrebbe confessato al telefono ai militari. Sul posto il magistrato che coordina le indagini, i carabinieri con il Ris e i sanitari. La coppia ha due figli che però non erano in casa al momento della tragedia.

Il sindaco di Musile Susanna Silvia: "Persone poco conosciute" Il commento del sindaco Susanna Silvia al femminicidio avvenuto a Musile di Piave

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Ascione, pizzaiolo a Jesolo ed ospite della donna da qualche settimana, all'alba di oggi, per cause in via di accertamento ha colpito la Mennella con un coltello da cucina. L'aggressione è avvenuta ancora sul letto. La donna è stata ferita gravemente ed è purtroppo spirata nonostante l'intervento del Suem 118. Le indagini e i primi accertamenti sono stati condotti dai carabinieri della Compagnia di San Donà con il supporto tecnico del Nucleo investigativo del comando provinciale dell'Arma.

Ascione, durante l'interrogatorio condotto dal pm di turno, il dottor Raffaele Incardone, ha ammesso le proprie responsabilità spiegando di essersi subito reso conto della gravità del suo gesto e di aver immediatamente chiamato il 112. Anche il coltello da cucina usato dall'omicida è stato recuperato.

La vicina di casa: "I nostri figli giocavano insieme"

La frase su Facebook: "Uomini dovrebbero amare la nostra libertà". Alcuni mesi fa, a San Valentino del 2017, Maria Archetta condivideva su Facebook una frase della conduttrice televisiva Maria De Filippi: "Mi fanno paura gli uomini che non capiscono che amare una donna vuol dire amare la sua libertà". Una frase che oggi appare tristemente premonitrice. 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics