Quotidiani locali

Mega meteora, caccia ai frammenti  

Secondo gli astronomi il meteorite avvistato nei cieli del Nord Est il 30 maggio si è disintegrato e i suoi pezzi sarebbero caduti sopra Bojon  di Campolongo. Appello degli esperti: «Ecco come sono fatti, se li vedete avvertiteci»

Meteorite in cielo, Fedez e la rete si scatenano "Raga a Milano è appena passato un meteorite verde o qualcosa di simile, nessuno sa niente a riguardo?" twitta Fedez alle undici passate di sera. E' solo uno dei messaggi social che si sono scatenati martedì sera dopo il passaggio di un grosso meteorite segnalato da 3bmeteo.com e avvistato e sentito tra Lombardia, Emilia e Triveneto. L'articolo

CAMPOLONGO. Un nuovo passatempo potrebbe prendere piede nell’estate padovana: secondo gli esperti, i frammenti dell’asteroide che ha illuminato il cielo la notte del 30 maggio scorso, sarebbero caduti nel territorio compreso fra Piove di Sacco e Bojon di Campolongo Maggiore. Ora si apre la caccia ai preziosi “sassi” caduti dal cielo. La brillante meteora che è stata avvistata il 30 maggio nei cieli del Nord Italia è stata provocata da un mini asteroide del diametro di circa 60 centimetri e del peso compreso tra 50 e 200 chilogrammi. Lo hanno calcolato i ricercatori della collaborazione Prisma, promossa e coordinata dall'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), secondo i quali, inoltre, eventuali frammenti potrebbero essere caduti fra Padova e Venezia.



Il 30 maggio scorso, alle 23,09 italiane, una straordinaria meteora luminosa ha solcato i cieli del Nordest . Gli studi su composizione e traiettoria della meteora e le ricerche di eventuali frammenti, sono iniziati subito.

leggi anche:

SDEW

La meteora del 30 maggio puntava su Venezia

Lo dimostra la prima ricostruzione della sua traiettoria, fatta grazie alle immagini riprese dalla rete di sorveglianza video delle meteore dell'Unione Astrofili Italiani (Uai). Impatto possibile nelle vicinanze di Mira



«È stato un lavoro lungo e complesso» spiega Daniele Gardiol, dell’Inaf di Torino, coordinatore di Prisma, «L’analisi dei dati durante i 7 secondi in cui la meteora è stata visibile ha permesso di definire un dettagliato modello matematico della zona di possibile caduta di frammenti. I risultati indicano che il mini asteroide aveva una massa compresa fra i 50 e i 200 chili e un diametro tra 30 e 60 centimetri ed è entrato in atmosfera alla formidabile velocità di 54 mila chilometri orari. Si è in gran parte “sbriciolato” a una quota di 40 chilometri, provocando uno “sciame” di piccole meteoriti delle dimensioni di una pallina da golf».

Secondo i calcoli alcuni di questi frammenti potrebbero essere caduti fra i territori di Piove di Sacco e Bojon e i ricercatori invitano a segnalare eventuali sassi sospetti all'indirizzo e-mail: prisma_po inaf.it.
 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista