Quotidiani locali

Gli islamici sereni: facciano pure

«Siamo contenti lo stesso. Preghiamo, impariamo la lingua e doniamo il sangue»

SAN STINO. La provocazione della porchetta mangiata di fronte al centro islamico durante l’inaugurazione non tocca Tanji Bouchaib, il responsabile della struttura. Cittadino italiano, residente a Cinto Caomaggiore, mostra una serenità olimpica. Magari avrebbe tante cose da dire, ma non lo dà a vedere: «Siamo in un Paese libero, non abbiamo problemi, possono fare quello che vogliono...».

Sara Moretto esprime, da deputato, la sua indignazione. Matteo Cappelletto, sindaco di San Stino di Livenza, non vuole invece dare importanza a chi lo ha insultato: «Non ho nulla da dichiarare in merito». Il primo cittadino è stato rimproverato di non aver avvertito la cittadinanza. «Io dico», conclude, «che esiste una città tollerante. C’è un’altra San Stino».

Tanji Bouchaib aggiunge, sulle peculiarità del centro, che «sarà un punto di riferimento per 60 persone, dove si prega e si impara l’italiano. Si raccoglie anche il sangue qui, per i nostri fratelli. Qui si insegna l’italiano, ma anche l’arabo, vogliamo dare ai nostri figli e nipoti la possibilità di parlare coi loro nonni. Ribadiamo tutta la nostra avversione al terrorismo. Qui sono rappresentate numerose nazionalità: Egitto, Tunisia, Marocco, Kosovo e altre ancora. L’Islam è religione di pace e di misericordia».

Il console Nezha Attahar raggiunge il centro islamico attorno alle 11. «Il nostro è un messaggio di apertura, il Marocco è terra dove sono tollerate le tre religioni monoteiste. Vogliamo far conoscere queste caratteristiche anche ai nostri amici che sono là fuori».

Gli “amici” a cui si riferisce il console sono quelli della porchetta. «Vogliamo la chiusura del centro islamico e le dimissioni del sindaco di San Stino, Cappelletto. Questo centro islamico mette in pericolo la nostra comunità cristiana. Ci ispirano il nostro santo, Marco Antonio Bragadin e padre Marco d’Aviano»,

riferisce il venetista Ives Presotto, primo dei non eletti in consiglio regionale con Veneti Indipendenti, «la porchetta è un nostro piatto tradizionale e la mangiamo finché vogliamo. Loro (i musulmani) impongono un modo di vivere contro le donne, i bambini e gli omosessuali». (r.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista