Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Screening cardiologico per 500 bambini

CHIOGGIA. Screening cardiologico gratuito per oltre 500 bambini per verificarne lo stato di salute. Tra maggio e giugno i piccoli di quinta elementare saranno sottoposti a un elettrocardiogramma e...

CHIOGGIA. Screening cardiologico gratuito per oltre 500 bambini per verificarne lo stato di salute. Tra maggio e giugno i piccoli di quinta elementare saranno sottoposti a un elettrocardiogramma e una visita cardiaca direttamente a scuola grazie alla III edizione dell’iniziativa “Abcd... ecg”, promossa da Usl 3 Serenissima, Rotary club e Comune. Tutti i bambini di 10 anni delle scuole pubbliche e paritarie verranno sottoposti all’esame e alla visita direttamente a scuola, senza spese e senza spostamenti. Nel caso dovessero essere riscontrate anomalie si procederà anche con un’ecografia per escludere patologie, senza sintomi, che richiedano approfondimenti. «È l’età migliore in cui fare questo tipo di accertamenti», spiega il primario di Cardiologia, Roberto Valle, «le ricerche hanno dimostrato che a dieci anni si possono scoprire, per tempo, eventuali patologie che potrebbero dare problemi anni dopo. Le cardiopatie congenite interessano da 5 a 10 bimbi ogni 1000 nati e, sebbene la Pediatria effettui uno screening capillare al momento della nascita, è noto che qualche raro caso arriva silenziosamente all’età adulta. Con questo screening verifichiamo lo stato di salute, escludiamo cardiopatie e diamo ai ragazzini anche un ecg che può essere utile per svolgere attività sportiva».

L’iniziativa viene sostenuta economicamente dal Rotary di Chioggia e dal Rotary International e dalla Banca patavina. «L’evidente importanza sociale dell'iniziativa», spiega Enzo Naccari, presidente del Rotary, «ci spinge a sostenerla in modo convinto». «La prevenzione è fondamentale», sottolinea il direttore generale dell’Usl 3, Giuseppe Dal Ben, «ben vengano le sinergie tra istituzioni e privati per far crescere l'attenzione in questo senso». (e.b.a.)