Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Kosovari in corteo sul ponte di Rialto «No al terrorismo»

In 50 per marcare la distanza dai connazionali arrestati La testimonianza: «Uno lo conoscevo, mi sento tradito»

Partiti da piazzale Roma sventolando le bandiere del Kosovo e dell’Albania alla fine sono arrivati sul ponte di Rialto per scandire «No al terrorismo», «Rialto non si tocca», «Grazie alle forze dell’ordine», «Grazie Italia» e ribadire la ferma opposizione contro ogni atto individuale che interferisce con le leggi del paese ospitante e preso le distanze dalla cellula jihadista (tre kosovari e uno minorenne) pronta a compiere un attentato sul ponte di Rialto.

Oltre 50 kosovari e albanesi con ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Partiti da piazzale Roma sventolando le bandiere del Kosovo e dell’Albania alla fine sono arrivati sul ponte di Rialto per scandire «No al terrorismo», «Rialto non si tocca», «Grazie alle forze dell’ordine», «Grazie Italia» e ribadire la ferma opposizione contro ogni atto individuale che interferisce con le leggi del paese ospitante e preso le distanze dalla cellula jihadista (tre kosovari e uno minorenne) pronta a compiere un attentato sul ponte di Rialto.

Oltre 50 kosovari e albanesi con mogli e figlioletti si sono riuniti ieri pomeriggio in una manifestazione pacifica. Abitano a Chirignago, Mestre, Spinea, Treviso; quasi tutti lavorano nell’edilizia. Come Bucaj Bujar, 36 anni, moglie kosovara e tre figli, 10, 7 e 4 anni. Arrivato in Italia nel 1998, durante la guerra in Kosovo, solo e minorenne ha iniziato a lavorare da muratore. Oggi è titolare di un’impresa edile con 14 dipendenti. «Abito a Mestre anche con i genitori» dice Bujar «Rispetto la legge e pago le tasse. Ogni giorno sono a Venezia, ristrutturo bar e ristoranti». L'imprenditore conosce i kosovari arrestati. «Mi sento tradito» racconta «Pranzavo dove lavoravano. Il loro pensiero è completamente sbagliato, siamo contro di loro. Con me non si sono mai spinti con nessun discorso strano, li avrei denunciati», precisa Bujar. E racconta un episodio: «Uno del gruppetto per trovare lavoro si è spacciato, per costruirsi delle referenze, per mio nipote. Successivamente la spaghetteria mi ha chiesto di confermare ma ho smentito subito». Il padre ascolta le parole del figlio e aggiunge: «Grazie Italia che ci accogli e ci dai la possibilità di vivere tutti insieme. Questi sono i valori che trasmettiamo ai figli e ai nipoti».

I manifestanti, giovani muratori, carpentieri, fornellisti come Atdhe Kelmendi, Hysni Bajraktaraj, Kushtrim e Albion Klegka, Ardjan Ramadani, Halim Gegaj, hanno una sola voce. «Come si fa a comportarsi così in casa di chi ci ospita? Che restino in carcere per sempre. Il loro gesto criminale è imperdonabile».

Parole di condanna anche dall’organizzatrice Ermira Zhuri, avvocato: «Difendiamo la sicurezza e la pace e trasmettiamole. Questa è la nostra risposta contro ogni forma di terrorismo». Mentre in campo iniziano canti e balli delle loro terre un giovane kosovaro chiama per nome sua figlia: «Verona». Più integrazione di così.

Nadia De Lazzari

©RIPRODUZIONE RISERVATA