Quotidiani locali

Aeroporto di Venezia, venerdì 21 niente sciopero

Precettati dalla prefettura i lavoratori degli handler dopo che solo la Uil aveva accettato di rinviare la protesta

VENEZIA. Sciopero all’aeroporto, arriva la precettazione del Prefetto. Venerdì 21 nessun disagio al Marco Polo. In programma, dalle 10 alle 18, c’era lo sciopero del personale delle società di handling WFS Ground Italy e Aviapartner. Lo stato di agitazione era stato indetto dalle segreterie provinciali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil e Ugl Trasporto Aereo.

Oggi si è svolto in Prefettura l’incontro tra le organizzazioni sindacali, le società di handling interessate e la Save, quale ente gestore dello scalo. La riunione era stata convocata dal Prefetto Carlo Boffi, con lo scopo di far spostare lo sciopero per garantire i dirittio dei viaggiatori. Infatti l’astensione dal lavoro, fa notare la Prefettura, era prevista in un periodo di notevole affluenza turistica, in concomitanza con diverse festività ed in una giornata in cui è previsto un picco del traffico aereo, con la previsione di un transito di circa 33.000 passeggeri.

Spiega la Prefettura: «Lo sciopero potrebbe costituire fonte di congestione e di disservizi, tali da poter generare gravi criticità sotto il profilo dell'ordine e della sicurezza pubblica, anche alla luce dell'attuale clima di tensione internazionale, a causa degli assembramenti di persone negli spazi aeroportuali, tenuto conto peraltro che l'aeroporto Marco Polo continua ad essere interessato da lavori di miglioramento infrastrutturale, che ne rendono parzialmente limitata la fruibilità».

Nel corso dell'incontro quindi la Prefettura ha richiamato al senso di responsabilità gli esponenti sindacali, invitandoli a spostare ad altra data «l'astensione collettiva del personale delle società di handling aeroportuale WFS Ground Italy S.r.l. ed Aviapartner S.p.A.». Dopo ampia discussione, tenuto conto che solo la Uil Trasporti

ha accolto l’invito posticipare la data dello sciopero, il Prefetto ha disposto il provvedimento di precettazione, in quanto c’era il fondato pericolo di «un pregiudizio grave ai diritti della persona costituzionalmente tutelati, con possibili ripercussioni in termini di ordine pubblico».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare