Quotidiani locali

“Myhospital”, app per orientarsi

Il servizio-navigatore guiderà gli utenti alla ricerca di ambulatori e servizi

Navigare dentro l’ospedale dell’Angelo per trovare lo sportello del Cup, un reparto o il bar da oggi è possibile con la nuova applicazione per smartphone MyHospital Serenissima. Dopo mesi di studio è stata finalmente inaugurata ieri.

A realizzarla è stata la Top My Life di Bergamo, offrendo un servizio che rende ancor più digitalizzato l’ospedale di Mestre, e a breve anche il Civile di Venezia. Poi, in un secondo momento, la app potrà essere ampliata anche alle sedi di Mirano, Dolo e Chioggia. «Il nostro obiettivo, e quello della Usl 3, era di aiutare il cittadino a muoversi dentro questa grande struttura», osserva Manuel Rondoni. «La nostra società ha cercato di creare un’applicazione in grado di essere usata da tutti attraverso il telefonino cellulare, e che a breve potrà usufruire anche di miglioramenti per gli ipovedenti».

Il sistema conta su 350 punti mappati all’interno dell’ospedale, coprendo tutti e dieci i piani (compresi i due sotto terra) con 700 sensori. Funzionerà anche senza linea telefonica quindi, se una persona non avrà “campo” con il proprio gestore di telefonia, l’app sarà in grado di continuare a dare le indicazioni. Inoltre sarà possibile anche visualizzare il percorso come un normale navigatore satellitare per le auto. L’Usl 3 già nello scorso autunno aveva puntato su una nuova segnaletica dentro gli ospedali, e prima ancora aveva creato le bussole per le informazioni. Ora fa un ulteriore passo per migliorare la fruibilità degli spazi al cittadino. L’app sarà gratuita e disponibile sia per le piattaforme Android che per gli Iphone, e accompagnerà la persona pure dentro gli ascensori. La ditta produttrice ha garantito la risoluzione di qualsiasi problema legato alla privacy del cittadino che si reca in un’area “sensibile” qual è un ospedale. Ma questa applicazione potrà svolgere in alcune aree dell’ospedale un altro fondamentale servizio, di valenza più

interna. La rete di sensori già stesa assolverà infatti la funzione di monitoraggio interno per i materiali, secondo le esigenze logistiche dell’ospedale. Permetterà quindi di controllare, ad esempio, dove siano collocate momento per momento alcune attrezzature e strumentazioni. (s.b.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista