Quotidiani locali

le feste nel miranese

Bambini, maschere e carri, è Carnevale

Luna park a Noale, il 26 febbraio la sfilata a Maerne e Salzano, Pulcinella in festa a Mirano

CAMPAGNA LUPIA. Il Comune di Piove non ha mai comunicato di voler farsi carico dell’anziana abbandonata dalla figlia. «Il Comune di Piove di Sacco, non è mai stato convocato, e non avendo potuto prendervi parte, non può aver fatto tali dichiarazioni davanti al giudice. L’udienza cui fa riferimento il legale della figlia si inseriva all’interno del procedimento di nomina dell’amministratore di sostegno, attivato peraltro dalla sua stessa assistita». A dirlo è il sindaco di Piove di Sacco, Davide Gianella, dopo l’udienza in cui è stata confermata la nomina dell’avvocato Simone Sorgato ad amministratore di fiducia di Natalina Donolato, la donna di 85 anni che si trova da un anno abbandonata in ospedale a Piove di Sacco, perché la figlia, Donatella Lazzari di Campagna Lupia, dice di non poterla tenere in casa.

«Il Comune chiarisce di non essere parte in alcun processo riguardante la vicenda e di conseguenza», precisa il sindaco, «che nessun giudice può avere ordinato alcunché nei confronti dell’ente, nemmeno il Giudice tutelare. Il Comune può e deve prendere in carico soltanto i soggetti che presentino i requisiti previsti dalla legge e dal regolamento comunale. Non può essere richiesto di violare la normativa per risolvere la questione, né di intervenire arbitrariamente decidendo di favorire questo cittadino piuttosto che un altro». La condizione della signora sottolinea il Comune è stata valutata in sede di commissione da Usl e servizi sociali.

Diversa la posizione di Emanuele Compagno, legale di Donatella Lazzari: «Il Comune di Piove, già a dicembre 2016 aveva inviato una rappresentato alla figlia Donatella una disponibilità all’adozione di uno o più interventi come l’erogazione di un contributo assistenziale, attivazione dei pasti a domicilio, igiene personale

ed ambientale, il telesoccorso, le agevolazioni per l’energia, nonché il contributo regionale di cura domiciliare. Vero è che in sede di udienza si è parlato di questo e della possibilità, quindi, di reperire un alloggio grazie al contributo comunale, di cui ringraziamo». (a.ab.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista