Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Zaia: "Quello che conta è che i servizi ai pazienti siano di qualità"

Il governatore veneto: "Venga rispettato l'impegno contrattuale. Verificheremo in maniera attenta che questo avvenga. Purtroppo, e dico purtroppo, c'è un contratto ben preciso da rispettare".

MESTRE. Una gestione inglese per i servizi non sanitari dell'ospedale dell'Angelo? "Quello che conta è che i servizi ai pazienti siano di qualità e che venga rispettato l'impegno contrattuale. Verificheremo in maniera attenta che questo avvenga. Purtroppo, e dico purtroppo, c'è un contratto ben preciso da rispettare".

Così il presidente Luca Zaia  martedì a Mestre alla presentazione della nuova app per dirigersi con più facilità ai vari ambulatori e servizi ospedalieri e della nuova Ct Pet, u ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MESTRE. Una gestione inglese per i servizi non sanitari dell'ospedale dell'Angelo? "Quello che conta è che i servizi ai pazienti siano di qualità e che venga rispettato l'impegno contrattuale. Verificheremo in maniera attenta che questo avvenga. Purtroppo, e dico purtroppo, c'è un contratto ben preciso da rispettare".

Così il presidente Luca Zaia  martedì a Mestre alla presentazione della nuova app per dirigersi con più facilità ai vari ambulatori e servizi ospedalieri e della nuova Ct Pet, un macchinario di altissima tecnologia da 1,7 milioni, che consentirà diagnosi più precise e cure più puntuali nei malati di tumore. 

Tornando al Project financing si tratta di un contratto che disciplina nel dettaglio, tra le altre cose,  i margini di rinegoziazione. La prospettiva che, al posto di Mantovani e Astaldi, arrivino gli inglesi del fondo Equitix, alla Regione sembra non importare molto. Meglio, non ha (sufficienti) margini di manovra.  Qualcosa, quel che era possibile, è già stato rinegoziato proprio su input di Zaia con il nuovo direttore generale Giuseppe Dal Ben. "Purtroppo, e dico purtroppo, piaccia o no oltre un certo margine non si può andare", lamenta Zaia. "Dovrebbe esserci un ombrello giuridico a livello nazionale" per imporre rinegoziazioni più pesanti. Una protezione che, al momento, non c'è.