Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Profughi di Cona alla Croce Rossa scoppia la polemica a Jesolo

Una ventina di migranti in via Levantina. Il sindaco Zoggia: «Non ci è stato comunicato niente» Bison: «Una cosa molto grave, anche perché arrivano i più violenti». Esposito: «Giusto accoglierli»

JESOLO. Una ventina di migranti è arrivata nei giorni scorsi dalla base di Cona alla sede della Croce Rossa in via Levantina. La scoperta sabato, dopo la visita del parlamentare Giulio Marcon e di vari esponenti di Sinistra Italiana, alla Croce Rossa. Una visita che ha sottolineato l’alto profilo e l’eccellente organizzazione della struttura nell’accogliere queste persone. Una presenza che era stata paventata a suo tempo da esponenti del centrodestra di Jesolo, come Daniele Bison, che dalla ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

JESOLO. Una ventina di migranti è arrivata nei giorni scorsi dalla base di Cona alla sede della Croce Rossa in via Levantina. La scoperta sabato, dopo la visita del parlamentare Giulio Marcon e di vari esponenti di Sinistra Italiana, alla Croce Rossa. Una visita che ha sottolineato l’alto profilo e l’eccellente organizzazione della struttura nell’accogliere queste persone. Una presenza che era stata paventata a suo tempo da esponenti del centrodestra di Jesolo, come Daniele Bison, che dalla sua lista civica aveva ammonito il Comune su questa possibilità.

Profughi, il campo di Cona: le foto all'interno

Sinistra Italiana è al contrario entusiasta in attesa dell’ufficializzazione di questo trasferimento. «Riteniamo che non ci sarebbe nulla di strano nell’accogliere nella struttura della Croce Rossa di via Levantina un piccolo numero di profughi provenienti dal campo di Cona», dice Francesco Esposito per SI, «anzi, lo riteniamo auspicabile. Viste le ottime condizioni di vita e la grande professionalità dei volontari che operano nel campo della Cri, sarebbe una cosa altamente meritoria e che darebbe lustro a Jesolo, che vedrebbe confermata la sua nomea di città dell’accoglienza».

«Per di più un’accoglienza altamente umanizzante. Sarebbe, anzi, una decisione che confermerebbe la necessità e la validità del metodo di ’”Accoglienza Diffusa’’. Ci auguriamo che la presenza della Croce Rossa a Jesolo venga valorizzata come un elemento qualificante per l’intera città e non usata per fomentare paure e alimentare odi o rancori, utili magari per raccogliere voti in vista della prossima campagna elettorale».