Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Si è spento Franco Tonolo il decano dei pasticceri

Venezia. Il fondatore della pasticceria di Dorsoduro. Aveva 80 anni. I funerali sabato alle 11 a San Pantalon

VENEZIA. Si è spento mercoledì 18 nel sonno Franco Tonolo, 80 anni, fondatore dell’omonima pasticceria di Calle San Pantalon a Dorsoduro. Per i veneziani (e non solo) era impensabile passare davanti alla sua bottega senza entrare per una pastina o un caffè.

Franco era diventato un’istituzione in città tanto che, in particolare a Carnevale e a Natale, non era raro vedere davanti all’ingresso file lunghissime di clienti che attendevano il proprio turno per una frittella o per ritirare la celeb ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VENEZIA. Si è spento mercoledì 18 nel sonno Franco Tonolo, 80 anni, fondatore dell’omonima pasticceria di Calle San Pantalon a Dorsoduro. Per i veneziani (e non solo) era impensabile passare davanti alla sua bottega senza entrare per una pastina o un caffè.

Franco era diventato un’istituzione in città tanto che, in particolare a Carnevale e a Natale, non era raro vedere davanti all’ingresso file lunghissime di clienti che attendevano il proprio turno per una frittella o per ritirare la celebre focaccia. Irresistibili i suoi dolci, alcuni preparati con ricette segrete, note soltanto ai pasticceri e a pochissimi della famiglia Tonolo.

La storia della pasticceria ha infatti origine a Mirano, dove viveva il fondatore, il bisnonno di Franco, e dove ancora oggi ci sono i cugini.

Franco Tonolo aveva compiuto 80 anni il 25 ottobre scorso. Soffriva di qualche acciacco, come il diabete, ma a debilitarlo è stata una brutta influenza.

 I funerali si terranno sabato alle 11 nella Chiesa di San Pantalon.

In molti si sono fermati davanti al cartello "chiuso per lutto". «Non so quando riapriremo» hanno detto i familiari «Ma assicuriamo che non chiudiamo e non vendiamo ai cinesi».

©RIPRODUZIONE RISERVATA