Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Domenica ecologica il 22 gennaio

Dolo. Un progetto del Comune per sensibilizzare l’opinione pubblica

DOLO. Una domenica ecologica in programma il 22 gennaio e altre attività di sensibilizzazione sul tema dell’inquinamento atmosferico.

Questi i progetti previsti per le prossime settimane dall’assessorato all’ambiente di Dolo. «Il problema dell’inquinamento coinvolge tutta la pianura Padana e servirebbero degli interventi strutturali», precisa l’assessore Marina Coin, «ma credo che i comuni possono lavorare per sensibilizzare la popolazione e far conoscere il problema».

Il Comune di Dolo ha anche approvato nelle scorse settimane un’ordinanza per la riduzione delle emissioni inquinanti nell’aria. La domenica ecologica si terrà il 22 gennaio con la chiusura al traffico in via Cairoli e di parte di via Arino. Con l’occasione saranno organizzati un mercato con produttori locali e artigiani, e il mercatino dell’antiquariato, oltre a delle visite guidate nel centro storico a cura della Proloco. Dal 16 gennaio invece, ripetendo l’iniziativa svolta lo scorso anno, saranno promosse delle attività educative nelle scuole dal titolo “Sicurezza propria e sicurezza degli altri”. Il progetto vedrà il coinvolgimento della Protezione Civile di Dolo, dell’associazione Psicologi e della sezione di Dolo della Croce Rossa Italiana.

«La novità è che quest’anno saranno coinvolti anche gli studenti delle scuole medie», precisa Marina Coin, «mentre l’anno scorso erano gli studenti delle elementari. Gli incontri si svolgeranno sia nel plesso di Dolo che in quello di Sambruson». Altra iniziativa prevista è una mostra fotografica promossa da Legambiente Riviera del Brenta in villa Concina che presenterà le immagini di “Volontari in cantiere” campo internazionale di volontariato svolto nelle scorse settimane in quattro zone danneggiate dal tornado a Dolo, Mira e Pianiga.

Giacomo Piran