Quotidiani locali

Cinto, rapina la fioreria impugnando una pistola: incastrato dal video

In manette Michele Canton, 43 anni, che il 14 dicembre ha anche tentato di derubare (colpendolo al viso) il suo padrino di cresima

CINTO. E’ una vecchia conoscenza delle forze dell'ordine del portogruarese il responsabile delle due rapine, una tentata l’altra andata a segno la sera del 14 dicembre scorso a Cinto Caomaggiore. Si tratta di Michele Canton, 43 anni. L’uomo è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip Alberto Rossi di Pordenone, sui richiesta del pubblico ministero Matteo Campagnaro.

Sabato mattina uomini dei carabinieri della compagnia di Portogruaro, hanno prelevato il soggetto dalla propria abitazione di Cinto, portandolo in carcere del Castello, a Pordenone: con i militari, si è "giustificato" dicendo che aveva bisogno di soldi per pagare una multa.

Le immagini della rapina in fioreria a Cinto: arrestato il malvivente CINTO. Le crude immagini della rapina a mano armata nella fioreria di Cinto. Questo video ha incastrato il malvivente, che è stato arrestato. (video Carabinieri) Il pezzo sull'arresto di Michele Canton

Prima ha tentato di rapinare il suo padrino di cresima: Enio Papais, residente in via Torino, si è rifiutato di consegnare il denaro e per tutta risposta è stato colpito alla bocca dal calcio della pistola, che si è scoperto essere una scacciacani. Papais e Canton per un periodo, tanti anni fa, avevano vissuto assieme. Canton si è poi incamminato poco distante, facendo irruzione nella fioreria di Samantha Campaner, in via Roma, portando via 150 euro.

E proprio le immagini del sistema di video sorveglianza del negozio hanno permesso ai carabinieri di restringere il cerchio, controllando alcuni pregiudicati, tra cui Michele Canton. Il 43enne indossava le stesse scarpe, la stessa felpa, gli stesi pantaloni dell’uomo che aveva compiuto i tentativi di rapina. 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista