Quotidiani locali

«Incendi in casa, pauroso incremento»

Il comandante Munaro: «Dei 316 roghi rilevanti quest’anno sono 260 quelli in abitazione e con sei morti. 120 a Venezia»

L'incremento che il comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Venezia, Loris Murano, definisce «pauroso», è quello degli incendi in casa di persone sole, anziane, disabili: nel 2016 sono morti in 6 soffocati e intrappolati dalle fiamme, nel 2015 c'erano stati feriti, ma nessun decesso. Un lavoro immane quello svolto dai 650 vigili del fuoco di Venezia, cui si aggiungono 300 volontari, che nel 2016 hanno ricevuto ben 100mila chiamate ed effettuato quasi 10mila interventi. A snocciolare i dati ieri mattina nella Centrale operativa di Mestre, il comandante provinciale Munaro.

Incendi. «Pauroso l'aumento degli incendi domestici in cui sono morte 6 persone, legato a una situazione di disagio che vivono anziani e disabili». Ma anche stranieri. Emblematico il caso di Quarto d'Altino, quando un uomo disabile si addormentò in casa con la sigaretta accesa. Nel mirino anche bombole a gas, riscaldamento non a norma, bracieri, stufette. Dei 316 incendi più rilevanti del 2016, ben 260 sono quelli in abitazione, due in case di riposo, uno in un asilo nido. Dei circa 1.200 interventi nella città storica, il 10 per cento sono incendi. «Venezia è una città delicata, per fortuna siamo aiutati dalla rete antincendio cittadina». Non solo: «C'è la partita del rischio attentati terroristici, Venezia è specchio del mondo, l'attenzione mediatica è alta, con la Prefettura abbiamo migliorato e ampliato i piani di emergenza, un impegno grosso»

Casi critici. Diverse le operazioni complesse, come l'incendio sulla nave Star Maria a Fusina, quello al porto Saloni di Chioggia in cui rimase coinvolta la nave turca Derin (il personale di Chioggia con l'uso di una termo camera riuscì ad individuare un marinaio intossicato nella stiva e salvarlo), la fuga di gas metano di via Miranese, l'incendio alle gru di Porto Marghera, il tragico recupero del sub deceduto nel relitto della nave Endokia al largo di Chioggia e l'altrettanto doloroso incidente avvenuto durante le ricerche di Isabella Noventa.

Recuperi in acqua. Riflettori puntati su Venezia. Se sono diminuiti i crolli dovuti a dissesti, è alto il numero di recuperi in laguna. Manutenzione insufficiente alle bricole, che vanno alla deriva e causano incidenti. «Tra bricole e altro», spiega il comandante, «i recuperi sono stati 300». Senza contare le chiamate per oggetti (vedi alle voce cellulari e persino fedi) finiti in acqua, per persone cadute nei canali, incidenti tra natanti.

Campeggi. Sei solo quest'anno gli interventi nei campeggi, il più impegnativo Pra delle Torri. Incidenti che hanno innescato una campagna informativa di prevenzione con Asl, Ispettorato del lavoro, Arpav. «Ad inizio stagione», spiega Munaro, «ripeteremo i controlli, per vedere se tutto è a posto e dare un segnale».

Incidenti stradali. Il numero di morti è raddoppiato negli ultimi due anni, i vigili del fuoco sono intervenuti in ben 589 casi, quelli più grossi, il 18,2% in più dell'anno passato, per estrarre persone dagli abitacoli, segare lamiere, mettere in sicurezza la scena dell'incidente.

Terremoti e alluvioni. Grazie alle speciali unità dei Vigili veneziani, tra cui ricerca macerie (usar), nucleo elicotteri, nucleo sommozzatori, nucleo nbcr, anti alluvione, i nostri pompieri sono intervenuti e continuano a partecipare ai soccorsi nelle terre terremotate. Oggi restano 20 persone in aiuto .

Esercitazioni. Venezia, per le sue unità speciali, è riferimento nazionale per la ricerca sotto le macerie, il nucleo chimico biologico e le alluvioni. Moltissime le esercitazioni, legate a incendi, antiterrorismo

e alle situazioni di emergenza in porto, aeroporto, senza dimenticare gli allarmi per Marghera.

Scomparsi. In aumento anche i casi di persone scomparse e allontanamenti volontari, specialmente nella zona delle spiagge, 20 i casi solo nell'ultimo anno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista