Quotidiani locali

Vandali e schiamazzi alle Crete

Quarto d’Altino. Vetri delle auto distrutti a sassate, pollai aperti, urla di notte

QUARTO D'ALTINO. Allarme vandalismi alle Crete. Un’auto con vetro laterale distrutto a sassate in via 21 Luglio, schiamazzi notturni e tentativi di aprire i pollai per disperdere i volatili in località Le Crete. Un’anziana ultranovantenne un paio di notti fa è saltata sul letto a causa delle urla che provenivano dalle vicinanze della sua abitazione, schiamazzi ai quali i residenti non sono certo abituati. Da un mese a Quarto d'Altino – spiegano gli abitanti – sembra imperversi una banda di vandali (c’è chi sostiene siano minorenni) che disturba il sonno delle famiglie e che cerca di portare a segno atti vandalici sulle abitazioni, o ciò che le circonda. Tanto che alcune famiglie si sarebbero già rivolte alle forze dell’ordine per chiedere un intervento.

Ad accendere i riflettori sul problema, chiamato in causa dai residenti, è Giovanni Balzaro, esponente locale della Lega Nord: «Ho parlato con alcune persone e mi hanno spiegato il loro disagio. C’è paura».

Sulla questione è intervenuto anche il commissario della Lega di Quarto-Marcon Luigi Tolomio: «In più occasioni il commissario del Basso Piave Roberto Dal Cin aveva evidenziato attraverso numerose lettere alla Prefettura il problema della microcriminalità e dei vandali alle Crete. Ma sia la Prefettura che la precedente amministrazione comunale hanno sempre sottovalutato il problema. E Dal Cin aveva incontrato i cittadini che chiedevano risposte e interventi concreti». «Mi sono occupato in passato della questione sicurezza», conferma

il commissario Dal Cin, «ed è mia intenzione portare all’attenzione della nuova amministrazione il problema, amministrazione con la quale stiamo già interagendo e con la quale abbiamo iniziato a dialogare e prendere provvedimenti, mettendo i cittadini al primo posto».

Marta Artico

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista