Quotidiani locali

Pontili dimezzati e niente deroghe

L’autorizzazione per lo spazio acqueo: merci fino alle 9.30 e niente Gran Turismo

Nel primo progetto presentato da Rem Koolhaas doveva essere una grande terrazza sull’acqua, proprio sotto il ponte di Rialto. Ma adesso le misure del pontile acqueo del Fondaco dei tedeschi sono state ridimensionate. La Conferenza dei servizi ha rilasciato l’altro giorno l’autorizzazione dell’Edilizia privata e dell’Ufficio Traffico acqueo per l’occupazione del Canale davanti al nuovo Fontego.

Sarà un pontile di 3 metri e mezzo per tre, con una scaletta di 3 metri per 2 metri e mezzo. Fino alle 9.30 servirà per lo scarico delle merci, poi per l’attracco di imbarcazioni. Ma solo taxi e motoscafi, «uno alla volta», precisano in Comune. Niente Gran Turismo, insomma. Un’eventualità ben presente per la possibilità di portare al nuovo centro commerciale un gran numero di turisti e comitive interessati agli articoli esposti nel nuovo Fontego. Ma l’ipotesi è stata scartata per garantire la sicurezza della navigazione.

L’area del ponte di Rialto è infatti ancora sotto osservazione. Punto sensibile oggetto di ordinanze per la disciplina del traffico imposte dopo il tragico incidente di qualche anno fa, costato la vita al turista tedesco in gondola investito da un vaporetto. Limiti per le gondole e i motoscafi, divieto alle barche da diporto. E regolamentazione dei transiti, con il divieto di affiancamento di vaporetti e motoscafi. «Un problema serio», dicono i gondolieri del Carbon e di Riva del Vin, «il rischio è che ci sia un gran via vai proprio nella zona definita più a rischio». Un traffico che ormai sfugge al controllo. Con i tanti alberghi aperti sul Canal Grande che hanno il loro taxi privato, le colonne di motoscafi che transitano soprattutto il sabato e la domenica e in certe fasce orarie – tarda mattinata, metà pomeriggio – dalla Ferrovia a Rialto e dalla Salute al Rio Nuovo. Adesso

potrebbero aggiungersi nuovi clienti per le botteghe del centro commerciale del Fontego.

Ma in Comune hanno rifiutato le deroghe. La superficie acquea concessa è stata dimezzata rispetto al periodo delle Poste, quando i pontili autorizzati in Canal Grande erano due.

Alberto Vitucci

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista