Quotidiani locali

Riaprono le scuole, stazioni nel degrado

Murales e disegni ma anche tanti rifiuti nei parcheggi. L’unica nota positiva sono i treni in orario

MIRANO. Domani riprenderanno le lezioni a scuola, mentre gli uffici e le aziende hanno già riaperto. Qualcuno non ha chiuso per nulla ma tra poche ore tutte le attività torneranno a pieno regime. Con questo, anche i problemi di traffico e di trasporto pubblico.

I pendolari della Venezia-Padova e Venezia-Bassano come troveranno le stazioni del Miranese (Mirano, Spinea, Maerne, Salzano e Noale)? Saranno pulite, sporche? E l’erba dei parcheggi? I treni? Su questo aspetto c’è una buona notizia: i regionali sono più puntuali e sfiorano quasi il 100 per cento. Si tratta di numeri lusinghieri, pensando alla situazione di qualche tempo fa.

Stazioni. Negli ultimi anni ne sono sorte di nuove, vedi Spinea, altre sono state restaurate ma spesso la dipintura e il pulito dura poco.

C’è chi ci scrive dichiarazioni d’amore, o bellicose un po’ dappertutto.

Ci sono i murales o disegni a tema spesso rovinati da altre forme d’arte; se ne vedono ovunque, da Mirano a Noale passando per Spinea, dove si notano disegni né pubblicabili né descrivili ma si può lasciare spazio all’immaginazione senza troppa fantasia.

A Maerne, il parcheggio presenta erba alta in più di un punto, sia nelle aree verde sia negli spazi riservati alle auto. A Salzano, la situazione è buona, anche se non mancano scritte e rifiuti a terra, come nel parcheggio delle biciclette di Mirano. Le obliteratrici almeno funzionano dappertutto e questo è un buon segno.

In orario. C’è una buona notizia per i lavoratori e gli studenti della Venezia-Bassano: la puntualità dei convogli migliora e i pendolari si aspettano che la tendenza continui anche nei prossimi mesi.

Per le Ferrovie dello Stato, infatti, da gennaio a luglio di quest’anno la percentuale è salita al 95 per cento, con punte anche del 95,5 per cento registrate durante l’estate. Di conseguenza sono diminuiti i disagi, che soprattutto negli ultimi anni avevano fatto dannare non poco gli utenti; tra soppressioni di treni, sbarre abbattute dai veicoli, in più di un’occasione i viaggiatori si sono dovuti sobbarcare

ritardi e arrivi a destinazione in ritardo o coincidenze saltate.

Negli ultimi mesi il segnale di controtendenza e una nota lieta per la Venezia-Bassano in attesa di migliorare il servizio nei prossimi anni, magari partendo dal raddoppio, seppur a stralci.

Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon