Quotidiani locali

ambiente

Miele: produzione crollata del 70%. Le api muoiono per clima e pesticidi

A rischio tutte le produzioni e in particolare quelle di acacia del Veneto. Aumentano i controlli anti frode

VENEZIA. Per l'apicoltura nazionale il 2016 èuna delle peggiori annate degli ultimi 35 anni, con un crollo della produzione made in Italy del 70%. Per la raccolta decimata dai cambiamenti climatici e dai pesticidi, con punte di zero produzione per quello d'acacia in Piemonte e Triveneto e per quello di agrumi in Sicilia, sugli scaffali della grande distribuzione non ci sarà quest'anno sufficiente produzione italiana, molto rinomata, e quella presente avrà listini rincarati in media del 20%.

leggi anche:

È il grido d'allarme lanciato dal presidente dell'Osservatorio Nazionale Miele Giancarlo Naldi e dal presidente Conapi (Consorzio nazionale Apicoltori) Diego Pagani, in un incontro alla presenza del vice ministro alle Politiche agricole Andrea Olivero. Su 1,5 milioni di alveari, da Nord a Sud, colpite in particolare le due grandi produzioni, acacia (tipiche del Triveneto) e agrumi, dell'apicoltura professionale, le 20mila Partite Iva che fanno il mercato, a cui si aggiungono 23 mila produttori per autoconsumo. L’impegno di Olivero è per aumento controlli contro frodi e rifinanziamento progetto Beenet.

Il livello tecnico dell'apicoltura italiana, stato sottolineato nell'incontro, è considerato n. 1 al mondo, e la qualità del miele made in Italy è rinomata anche per il sistema di tracciabilità di filiera. Ma negli ultimi quattro anni la produzione nazionale non è sufficiente per il fabbisogno di mercato: il tutto a causa del mutamento del clima e dell’uso di pesticidi che uccidono le api.

leggi anche:

"In annate difficili come quella in corso - ha osservato il vice ministro Olivero - sono più frequenti i casi di frode e le miscelazioni. Nei primi sei mesi dell'anno Icqrf (l'Ispettorato centrale della tutela della qualit e repressione frodi dei prodotti agroalimentari) ha già effettuato oltre 300 controlli, e la tendenza è la crescita dei monitoraggi ma anche l'affinamento della lotta agli illeciti. Mi assumo l'impegno - ha detto - di potenziare i controlli contro eventuali sostituzioni dei prodotti; non soltanto difesa dell'italianità ma un impegno per la valorizzazione della qualità del miele nazionale. Faremo inoltre campagne di informazione nelle scuole e tra i cittadini-consumatori".

Sul fronte produttivo, ha annunciato Olivero, "daremo la possibilità ai piccoli allevatori di aggregarsi in maniera pi semplice. Dopo annate a zero produzione c'è un rischio-abbandono degli apicoltori che non vedono il giusto reddito. Per garantire la sostenibilità economica è dunque necessario un programma strategico. E le Regioni, pur avendo in materia competenza autonoma, hanno accolto a riguardo volentieri la prospettiva di un coordinamento- L'idea è non continuare a subire, ma gestire. Entro l'anno - ha annunciato il vice ministro - rifinanzieremo il progetto di monitoraggio ambientale 'Beenet', molto atteso dagli operatori. L'obiettivo - ha concluso - è tutelare e valorizzare un comparto che sa essere un presidio di territorio e creare economia in aree rurali e interne del Paese".

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVE OPPORTUNITA' PER CHI AMA SCRIVERE

Servizi, una redazione a disposizione dell'autore