Quotidiani locali

il caso

San Donà, pronto soccorso in tilt: «Andate altrove»

Caos venerdì all’Ospedale civile. Tac fuori uso e troppi codici rossi. Proteste dei pazienti esasperati. L’Asl si scusa

SAN DONA'. Code al pronto soccorso di San Donà, caos nel pomeriggio di venerdì nel reparto dell’ospedale di via Nazario Sauro. A metà pomeriggio il personale ha informato i pazienti al microfono di alcuni problemi insorti con i macchinari di radiologia e anche in ortopedia, invitando a non attendere più inutilmente in reparto ma scegliendo altre soluzioni.

I pazienti si sono ribellati e hanno iniziato a protestare con rabbia, qualcuno alzando anche la voce. Purtroppo si era formata una lunga coda di persone in attesa e l’atmosfera è diventata davvero molto tesa. La comunicazione al microfono è risuonata in tutto il reparto e molti se ne sono andati, cercando di rivolgersi ai medici di base per le urgenze o comunque tornando a casa e sperando di superare bi dolori più acuti con i farmaci.

La direzione dell’Asl 10 si è scusata con i pazienti per tutti i disagi. I motivi, come è stato precisato in seguito, sono stati dunque legati a dei problemi tecnici nel funzionamento della Tac che a un certo punto si è bloccata. È stato così necessario sospendere gli esami specifici e procedere con l’intervento per ripristinarne l’utilizzo.

leggi anche:

Inoltre, sono giunti numerosi codici rossi, ovvero quelli più urgenti che hanno determinato il concentrarsi dell’attenzione del personale sui casi più gravi che richiedevano pertanto un intervento immediato di medici e infermieri. Resta il fatto che il pronto soccorso di San Donà è spesso oggetto di critiche e discussioni animate da parte dei cittadini e pazienti. Molte volte è stato suggerito loro di rivolgersi alla sede di Jesolo, nel caso l’attesa fosse troppo lunga a San Donà. Questo vale soprattutto nella stagione invernale.

«Ieri eravamo tutti in attesa», spiega uno dei pazienti, «molti stavano male. Ad un certo punto ci è stato suggerito all’altoparlante di rivolgerci altrove e quasi tutti lo hanno fatto. Ed è stato scandito che c’erano problemi con i macchinari di radiologia e altri disagi che riguardavano il reparto di ortopedia. Tanti si sono arrabbiati perché l’atmosfera era davvero pesante».

I problemi al pronto soccorso sono frequenti anche perché quasi tutti i giorni ci sono persone in attesa e in grande numero. Più volte è stato precisato, però, che troppi pazienti vanno al pronto soccorso anche se non hanno vere urgenze da affrontare, ma dei codici bianchi che potrebberoessere risolti da un medico di base senza lunghe attese 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista