Quotidiani locali

Nei centri commerciali scatta la caccia all’offerta

Quello più affollato è la Nave de Vero, mentre il Valecenter ha tenuto aperto fino a mezzanotte. Garofolini (Adico): «I saldi convengono ai gestori telefonici»

Primo giorno di saldi ed è subito caccia all’offerta. La meglio, neanche a dirlo, ce l’hanno sempre i centri commerciali e i templi dello shopping di cui la provincia di Venezia pullula: quest'anno, però, non si sono visti assalti alla diligenza. Ieri sono partiti i ribassi di “fine stagione”: c'è ancora chi è abituato a chiamarli così, anche se oramai è più una consuetudine, visto che l’estate è iniziata da un paio di settimane. I saldi, nella realtà, si respiravano già da un pezzo, perché l’operazione di marketing delle grandi aziende è partita molto presto: sms per ricordare gli sconti, e-mail nella casella postale di posta elettronica, messaggi su WhatsApp, pubblicità in cassetta. Nessun mezzo di comunicazione escluso per raggiungere ogni fascia di età. Senza contare i grandi marchi che fidelizzano i clienti con punti, carte fedeltà e ancora nuovi e diversi stratagemmi per catalizzare l’attenzione. I templi dello shopping nostrani ieri hanno accolto i visitatori con offerte, sconti e ribassi: chi pubblicizza il 30 per partire tenendosi un margine, chi pratica già lo sconto del 50 per cento, su alcune vetrine campeggia addirittura il 70 per cento. Come non farsi invogliare? Colori sgargianti, slogan accattivanti per tutti i gusti. Nella Città Metropolitana, c’è solo la scelta.

Gli “addicted”, quelli che non sanno stare lontani dalle gallerie dei templi del commercio si sono divisi tra il centro commerciale Valecenter a Marcon, e a due uscite di tangenziale il centro commerciale Auchan di Mestre. A Marghera c'è solo la scelta: si può optare per il Panorama o per l’immensa Nave de Vero, che ieri era la più affollata. I consumatori non si sono fatti attendere: dal mattino hanno bussato la porta dei centri, anche se in tanti si sono fatti una semplice “passeggiata” per poi fermarsi nelle zone food court a fare uno spuntino. E se in mattinata il sole e il caldo hanno invogliato ad andare in spiaggia, il pomeriggio ha registrato una maggior affluenza di gente che si è decisa per un giretto pre partita, una puntatina per adocchiare qualche capo di abbigliamento prima che finiscano le taglie e, perché no, prendere un po’ di fresco. Per l’occasione, il centro commerciale Valecenter di Marcon, ha tenuto aperto i battenti fino alle 24 della sera, una notte bianca di shopping lanciata con lo slogan “impossibile nasconderli” e dedicata a chi snobbava la partita dell’Italia.

«I saldi sono un'operazione che si rivela proficua per i gestori telefonici», commenta Carlo Garofolini presidente Adico, «visto che da giorni chiunque riceve caterve di sms sui saldi. Il mio sentore però è che quest’anno siano passati abbastanza

in sordina, un po’ forse per il clima, un po’ forse perché le promozioni ci sono tutto l’anno così come le occasioni. È ancora presto per dirlo e può darsi che poi venga smentito dai fatti, per ora non credo che da questi saldi ci si debba aspettare più di tanto».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon