Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Pista ciclabile per Tabina Al via lo studio

CASELLE. Una pista ciclabile per Tabina. Avviato lo studio di fattibilità per dotare la località sulla Noalese di un percorso ciclopedonale protetto verso Caselle. «La pista dovrebbe collegare il...

CASELLE. Una pista ciclabile per Tabina. Avviato lo studio di fattibilità per dotare la località sulla Noalese di un percorso ciclopedonale protetto verso Caselle. «La pista dovrebbe collegare il centro della frazione alla località», spiega l’assessore ai Lavori pubblici Fabio Semenzato, «sviluppandosi lungo la strada Noalese: 400 nuovi metri lineari che daranno continuità al tratto già esistente e permetteranno di connettere il centro di Caselle con la zona industriale fino a via Salgari, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CASELLE. Una pista ciclabile per Tabina. Avviato lo studio di fattibilità per dotare la località sulla Noalese di un percorso ciclopedonale protetto verso Caselle. «La pista dovrebbe collegare il centro della frazione alla località», spiega l’assessore ai Lavori pubblici Fabio Semenzato, «sviluppandosi lungo la strada Noalese: 400 nuovi metri lineari che daranno continuità al tratto già esistente e permetteranno di connettere il centro di Caselle con la zona industriale fino a via Salgari, senza soluzioni di continuità».

Nei giorni scorsi è stato affidato l’incarico per la realizzazione dello studio, che prevede anche i sopralluoghi e i pareri di Veneto Strade e del consorzio di bonifica. «Sappiamo già che i pareri dei due enti sono positivi», aggiunge il sindaco Nicola Fragomeni, «la volontà di realizzare questo importante tassello per la messa in sicurezza della mobilità debole in un punto critico della nostra viabilità c’è. Stiamo lavorando per trovare le risorse necessarie, con l’obiettivo di dare una risposta concreta ai cittadini che da 30 anni attendono e che hanno visto il quartiere di Tabina come la Cenerentola del Comune di Santa Maria di Sala».(f.d.g.)