Quotidiani locali

Vai alla pagina su Giubileo

Giubileo, a San Marco solo da 4 varchi tra detector e cecchini

Pronto il piano della questura elaborato per il grande evento del 13 dicembre. Sarà la prova generale in vista del Carnevale con una cabina di regia centrale

VENEZIA. Meno sei giorni alla prima vera prova del sistema di contingentamento per piazza San Marco in occasione di un grande evento. Il 13 dicembre in occasione dell’apertura della Porta Santa di San Marco per il Giubileo sarà applicato il piano che da questo momento in poi verrà utilizzato per garantire la sicurezza dell’area Marciana quando ci sono eventi come il Carnevale. Le persone entreranno in piazza in maniera contingentata solo da una parte dei varchi controllati da forze dell’ordine e polizia locale. In caso di necessità il flusso può essere interrotto in ogni momento.

I varchi controllati sono stati sperimentati in occasione del funerale di Valeria Solesin. Un piano che il questore Angelo Sanna, ha voluto per puntare ad avere la massima sicurezza in uno dei luoghi simbolo e quindi a rischio. In sostanza si tratta di un ulteriore step delle misure di sicurezza che sono state applicate in alcuni giorni dell'ultimo Carnevale. Il contingentamento avviene attraverso quattro accessi alla piazza, mentre altrettanti saranno utilizzati per l'uscita, mentre saranno ancora quattro le vie di fuga. Questi ultimi varchi saranno utilizzati anche per far intervenire eventuali soccorritori in caso di necessità. Inoltre la piazza sarà divisa in settori sia per rendere più veloce l'individuazione di eventuali emergenze, ma pure per consentire alle forze dell'ordine una più razionale gestione dell'ordine pubblico. Il 13 dicembre quindi la prova di un modulo di gestione dell'ordine pubblico che potrà diventare un modello per le future manifestazioni, ad iniziare dal Carnevale. Per il resto il modulo che sta per essere messo a punto ricalca quello utilizzato, a febbraio, in occasione del volo dell'Angelo.

Ci saranno poliziotti che controlleranno la piazza dall'alto, due zone franche, libere dai fedeli ricavate alle teste della piazza, quattro punti di pronto intervento avanzati nei luoghi di maggiore assembramento e una sala regia della sicurezza. Misure che risentono dell'allarme terrorismo dopo gli attentati di Parigi. Individuato anche il luogo dove realizzare la cabina di regia della sicurezza che a Carnevale si trovava all'interno del palco in Piazza. In cabina ci sarà, con tutta probabilità, un rappresentante di ogni forza di polizia e non è ancora chiaro se la piazza sarà videosorvegliata con un ulteriore impianto collegato a schermi destinati ai responsabili dell'ordine pubblico che potranno contare anche su sistemi di altoparlanti per gestire eventuali emergenze collegate alla sicurezza. Per avere un maggiore controllo della situazione in piazza ci saranno agenti posizionati in luoghi elevati. Saranno armati di binocoli e telecamere e comunicheranno direttamente con la sala regia avanzata. Ci saranno anche tiratori scelti. Previste anche in questa occasione due zone di decompressione realizzate alle teste della piazza, rispettivamente in corrispondenza della Torre dell'Orologio e dal lato del bacino Orseolo.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista