Quotidiani locali

Pignoramento illegale, banca condannata

Cavarzere. Hanno riavuto gli immobili i proprietari al centro di una lotta giudiziaria durata 20 anni

CAVARZERE. Vent’anni di lotte giudiziarie. Tanto c’è voluto ad Antonio Trovò e a sua moglie, Franca Bertoli, perché un giudice ingiungesse alla Banca Antoniana Popolare Veneta, oggi assorbita da Montepaschi, di restituire loro immobili e denaro, pignorati e indebitamente incassati, in questo lungo periodo. Ma non è ancora finita: mercoledì prossimo, 30 settembre, li aspetta una nuova udienza a Venezia per definire una vicenda di cambiali agrarie, che la coppia ritiene falsificate, e che è stata la base su cui la banca aveva impostato le proprie pretese.

È dello scorso maggio, infatti, la sentenza del tribunale civile di Venezia che dispone la restituzione, ai due coniugi, di sette immobili (negozi e appartamenti), in centro a Cavarzere, pignorati dalla banca nel 2006, sulla base di un asserito credito di quasi 450 mila euro. La stessa sentenza ordina anche la restituzione di oltre 102 mila euro (più interessi per circa 30 mila e spese legali) incassati dalla banca medesima con una esecuzione immobiliare del 1996. E tutto per estinguere un mutuo, risalente al 1990, di 300 milioni di lire (più interessi e more varie). Un debito che i coniugi sostenevano, invece, di aver coperto abbondantemente con la vendita di alcuni di quegli immobili ipotecati col mutuo, i cui proventi erano stati versati in un apposito conto corrente. La banca, per parte sua, sosteneva che il ricavato di quelle vendite era servito a ripagare, ma solo in parte, alcune cambiali agrarie sottoscritte dai coniugi, su un altro conto corrente.

Dopo una lunghissima serie di controversie legali e tre gradi di giudizio, nel 2014, la Cassazione aveva confermato la sentenza di appello che riconosceva l’avvenuto pagamento del mutuo da parte dei coniugi e che dichiarava nulli tutti gli atti compiuti dalla banca per riscuotere il presunto credito. Ma la banca non aveva provveduto a restituire alcunchè, anzi c’è voluta un’ulteriore sentenza del giudice dell’esecuzione immobiliare (dopo la Cassazione «non è venuto automaticamente meno il titolo su cui si basava l’azione esecutiva della banca» spiega quest’ultimo) perché i due cavarzerani rientrassero in possesso dei beni indebitamente pignorati dalla banca. Resta aperta la questione della cambiali

agrarie: chi le ha incassate e per fare cosa? La banca se ne è liberata cedendo il presunto credito a una società terza, la Elipso Finance srl, cosa che rende complicato per le parti trovare un accordo come auspicato dal giudice dell’esecuzione entro mercoledì prossimo.

Diego Degan

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori