Quotidiani locali

pianiga

Trovato un tetto per i due coniugi malati

PIANIGA. «Siamo disperati ci hanno detto che da lunedì saremo sbattuti fuori dall’ostello “Casa a Colori” a Dolo. Dove andremo a vivere? Di nuovo all’interno dell’ospedale di Dolo?». A farsi questa...

PIANIGA. «Siamo disperati ci hanno detto che da lunedì saremo sbattuti fuori dall’ostello “Casa a Colori” a Dolo. Dove andremo a vivere? Di nuovo all’interno dell’ospedale di Dolo?». A farsi questa domanda sono i coniugi Monica Salmaso e Giancarlo Venturini, i due cinquantenni di Cazzago che vivevano da due mesi all’ospedale di Dolo e che dal 23 maggio sono stati alloggiati dal Comune di Pianiga in un alloggio-famiglia “Casa a Colori“ di Dolo.

Il sindaco di Pianiga Massimo Calzavara però assicura: «Non resteranno senza un tetto ma devono imparare a rispettare le regole, devono portare la documentazione che stiamo chiedendo da settimane».

Ma la coppia è preoccupata. «Mio marito Giancarlo», dice Monica, «è stato colpito da un ictus e tre ischemie e ora soffre di morbo di Parkinson. Per accudirlo ho perso il lavoro part-time nel settore calzaturiero. Se ci buttano fuori da qui andremo di nuovo in strada».

Ma per il Comune di Pianiga non sarà così. «Per queste due persone avevamo pensato», dice il sindaco, «a una sistemazione provvisoria in una casa famiglia a Campocroce. Stiamo valutando se la soluzione è praticabile. Non resteranno però senza un tetto è sicuro. Quello che devono fare è presentare però la documentazione richiesta dai servizi sociali. È settimane che la chiediamo e non l’abbiamo ancora vista. Cosa aspettano?».

Intanto il

comune rivierasco sta seguendo la pratica della richiesta di pensione di invalidità per Giancarlo Venturini. «Contribuiremo in toto all’alloggio - conclude il sindaco Calzavara - finché non sarà percepita la pensione. Poi i due dovranno pagarsi un affitto come tutti».

Alessandro Abbadir

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista