Quotidiani locali

trasporti pubblici

Venerdì difficile: sciopero di 24 ore indetto da Usb e in serata prevista anche l'acqua alta

I disagi dipenderanno dall'adesione all'agitazione, ma saranno comunque garantite le fasce orarie dei pendolari

VENEZIA. Sarà un venerdì 15 piuttosto difficile, tra disagi legati allo sciopero di 24 ore dei trasporti pubblici indetto dal sindacato Usb e il picco di acqua alta a 115 centimetri previsto per le 21.45 del 15 maggio (senza passerelle)

«La corsia di lotta». È stato chiamato così lo sciopero nazionale di venerdì 15 maggio, indetto dal sindacato Usb e che coinvolgerà tutti i lavoratori del trasporto pubblico (personale Actv dei settori navigazione e automobilistico, nonché parte del personale di biglietteria), inclusi gli autoferrotranvieri.

«Lo sciopero - annuncia l'USB - è contro l'ennesimo taglio di risorse per il Trasporto pubblico locale da parte del governo, contro i provvedimenti del job acts, le privatizzazioni selvagge che dirottano i sempre più ridotti capitali pubblici verso soggetti privati, contro i continui innalzamenti dell'età pensionabile con pesanti ricadute sul personale di guida; contro le pesanti discriminazioni imposte dal Testo Unico sulla Rappresentanza che puntano a marginalizzare le organizzazioni sindacali che non si adeguano alle politiche aziendali di messa in discussione ai diritti e alle condizioni di lavoro; contro le gravi penalizzazioni di un Contratto Nazionale fermo da ben 8 anni, contro l'ennesimo attacco al diritto di
sciopero».

La scure si abbatterà in particolare su Venezia, già in previsione di essere colpita dalla manovra sull'aumento del prezzo biglietto, abbonamento e isole.

Per 24 ore Venezia potrebbe fermarsi - tutto naturalmente dipende dall'adesione all'agitazione da parte del personale Actv - , eccetto in alcuni orari garantiti per il settore automobilistico: dalle 6 alle 8.59 e dalle 16.30 alle 19.29. La navigazione è garantita solo per le isole. La notte del 15 maggio non sono garantite le linee N1 e N2. Sul sito dell' Actv

sono segnati tutti i servizi minimi garantiti. Il People Mover continuerà a funzionare. «Invece di implementare i servizi a Sistemi Territoriali», ha detto Giampietro Antonini, «la Regione mira a mettere a gara pezzi di rete ferroviaria per permettere alle ferrovie tedesche di entrare».

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista