Quotidiani locali

Nascono sei grandi parchi riservati ai quattro zampe

A Santa Maria di Sala sono 2.675 gli esemplari degli animali d’affezione Entro la fine dell’anno il Comune troverà aree attrezzate con panche e fontanelle

SANTA MARIA DI SALA. Sempre più salesi scelgono compagnia a quattro zampe e il Comune si adegua: negli 80 mila euro del bilancio messi a disposizione per riqualificare i parchi e le aree verdi comunali è prevista anche la realizzazione di un’area cani per ogni paese. Sei un tutto, tra capoluogo e frazioni, per permettere a Fido di scorrazzare liberamente tra l’erba senza l’obbligo di guinzaglio e museruola e con tutti i comfort previsti dalle recenti normative. In pratica a Santa Maria di Sala sta per nascere un parco dedicato ai cani per ogni frazione, che sarà accompagnato, per non dimenticarsi proprio di chi nei parchi fa, invece, giocare i bambini, anche dalla manutenzione straordinaria degli arredi e dei giochi delle principali aree verdi pubbliche attrezzate.

L’idea è maturata dopo aver aperto la sempre più corposa anagrafe degli animali d’affezione: a Santa Maria di Sala sono ben 2.675 gli esemplari registrati, cui però si devono aggiungere i molti non regolarmente censiti. «Entro la fine del 2015 i nostri amici a quattro zampe avranno un’area tutta per loro in ognuna delle sei frazioni», spiega il sindaco Nicola Fragomeni, «provvederemo a individuare all’interno dei nostri parchi un settore che verrà recintato e attrezzato con panchine e cestini e, dove possibile, fontanelle. Lì i cani potranno socializzare e correre liberi, senza guinzaglio».

Se non ci saranno ostacoli burocratici, le aree cani saranno realizzate già entro l’estate, per permettere anche a loro di godersi la bella stagione alle porte. Nelle scorse settimane non erano mancate le polemiche per la mancanza di spazi dedicati ai cani, scaturite in seguito alla denuncia di sporcizia lasciata sui marciapiedi e nelle piazze da padroni poco attenti al decoro del paese. Qualcuno aveva proposto di favorire il senso civico posizionando in corrispondenza dei parchi, i kit per la pulizia del selciato, visto che non tutti i padroni sembrano uscire a passeggio con la dotazione necessaria di sacchettini e paletta.

«Con le aree cani», spiega Fragomeni, «i proprietari dovranno provvedere a tenere pulito, con senso civico, le nuove aree e qualora venissero trovati privi delle attrezzature necessarie alla pulizia saranno multati, come da regolamento». «Con l’arrivo dell’estate vogliamo che le nostre

aree verdi rappresentino sempre più un luogo dove di svago e socializzazione», ha aggiunto l’assessore ai lavori pubblici Fabio Semenzato, «interverremo per renderle sempre più accoglienti con un progetto di risistemazione generale».

Filippo De Gaspari

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro