Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

I sindaci: occasione per la Terra dei Tiepolo

MIRANO. Un esordio rosa per la Terra dei Tiepolo, nuovo nome con cui il Miranese si farà conoscere al mondo per incentivare turismo e tradizioni locali, poi via all’enogastronomia tipica. Il sindaco...

MIRANO. Un esordio rosa per la Terra dei Tiepolo, nuovo nome con cui il Miranese si farà conoscere al mondo per incentivare turismo e tradizioni locali, poi via all’enogastronomia tipica. Il sindaco di Santa Maria di Sala Nicola Fragomeni chiede al cavalier Bruno Carraro di parlarne anche al processo di tappa in tv: «Il Giro è per noi un’occasione irripetibile», afferma Fragomeni, «quale miglior modo per annunciare in diretta internazionale che è nata la Terra dei Tiepolo proprio vicino a Venezia? All’inizio eravamo un po’ perplessi su questo percorso, ora c’è entusiasmo ed è significativo che anche Scorzè, che non è nell’Unione dei Comuni, sia della partita». Per il sindaco di Mirano e presidente Anci Veneto, Maria Rosa Pavanello: «La Terra dei Tiepolo è il risultato di un lavoro di rete tra Comuni per valorizzare le risorse di un territorio e attrarre turismo, che oggi è l’unico settore in crescita. Non finirà con l’Expo, sarà di ampio respiro». «L’Expo è stata la spinta per lanciare il marchio», confessa Roberto Gallorini, presidente della Pro Loco di Mirano, «è la prima volta che amministratori, funzionari dei Comuni e associazioni lavorano insieme per promuovere un territorio: sapremo andare lontano». (f.d.g.)