Quotidiani locali

Estorsione al macellaio altre indagini in provincia

I carabinieri a caccia di altre vittime di Andrea Cancelli, il sinti arrestato giovedì «Segnalate l’accaduto, il reato è perseguibile d’ufficio, anche senza denuncia»

I carabinieri sono convinti che l’estorsione ai danni del macellaio veneziano non sia l’unica. Infatti ci sono forti sospetti che il giostraio arrestato, abbia commesso altri taglieggiamenti ai danni di commercianti e imprenditori del Veneziano. Per questo gli investigatori fanno appello a chi ha subito delle estorsioni o la richiesta di denaro con metodi violenti o con minacce, di segnalare l’accaduto. Oltrettutto, fanno sapere i carabinieri, la vittima non è costretta a presentare denuncia. L’estorsione è, infatti, un reato per il quale si procede d’ufficio.

Il macellaio era due anni che pagava l’estortore. Complessivamente ha sborsato trecentomila euro. L'ultima volta è stata giovedì sera quando l'uomo, un cinquantenne veneziano che gestisce due macellerie a Padova, ha consegnato 50 chili di carne - per un valore di 600 euro - oltre a mille euro in contanti al suo estorsore, Andrea Cancelli, 39 anni, della nota famiglia sinti dei Cancelli, originario di Monselice ma residente a Montà. Il 39enne, sottoposto a regime di sorveglianza speciale per una sfilza di precedenti, è stato quindi arrestato in flagranza dai carabinieri del Nucleo investigativo di Venezia con la collaborazione della compagnia di Padova.

L'indagine dei carabinieri del Nucleo investigativo del maggiore Carmelo Graci e del capitano Enrico Risottino è partita due mesi fa, raccogliendo alcune indiscrezioni tra gli informatori dei militari sul fatto che il negoziante veneziano potesse trovarsi sotto il ricatto di Cancelli.

I militari hanno così cercato di avvicinare il macellaio, senza convincerlo a denunciare il pizzo, ma riuscendo a capire come stessero andando le cose nella sua macelleria. E poiché per il reato di estorsione si può procedere d'ufficio,

non si sono arresi. Hanno cominciato così a tenere sotto controllo sia lui, sia Cancelli. E sono riusciti a ricostruire come fosse stato capace, nel corso degli ultimi mesi, di conquistate la fiducia del macellaio, prima di passare a vere e proprio minacce.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro