Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Statua del Leone di San Marco dono al Comune dal comitato

Domenica alle 10.30 nel giardino di via XXV Aprile, è in programma l’inaugurazione di una statua in marmo raffigurante il Leone di San Marco. L’opera è stata scolpita dallo scultore dolese Carlo...

Domenica alle 10.30 nel giardino di via XXV Aprile, è in programma l’inaugurazione di una statua in marmo raffigurante il Leone di San Marco. L’opera è stata scolpita dallo scultore dolese Carlo Mazzetto e rappresenta il Leone di San Marco con il libro aperto, nell’intento di aprire le ali, e appoggiato sulle onde a indicare il possesso del mare come nelle antiche interpretazioni.

La statua, che mantiene la posizione di pace del Leone, è stata commissionata allo scultore e donata al Comune ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Domenica alle 10.30 nel giardino di via XXV Aprile, è in programma l’inaugurazione di una statua in marmo raffigurante il Leone di San Marco. L’opera è stata scolpita dallo scultore dolese Carlo Mazzetto e rappresenta il Leone di San Marco con il libro aperto, nell’intento di aprire le ali, e appoggiato sulle onde a indicare il possesso del mare come nelle antiche interpretazioni.

La statua, che mantiene la posizione di pace del Leone, è stata commissionata allo scultore e donata al Comune di Fossò da un comitato di cittadini «quale simbolo della venezianità del territorio e di una cultura e storia millenaria della quale tutti sono eredi».

La cerimonia prevede il discorso del sindaco Federica Boscaro e gli interventi di Giuseppe Vianello, presidente dell’associazione Cavalieri di San Marco, Giuseppe Boscaro, della sezione di Fossò dei Cavalieri di San Marco, e del critico d’arte Gabriella Niero. In conclusione, il brindisi offerto dalla Pro loco.

Giacomo Piran