Quotidiani locali

MIRANO

«Stiamo perdendo l’hospice»

Il Pd apre il caso: è insensato trasferire la struttura a Scorzè

MIRANO. «Gran parlare dell’ospedale di comunità a Noale, intanto Mirano perde in silenzio l’hospice per le cure palliative».

Gabriele Petrolito, consigliere comunale Pd e presidente della commissione “Sicurezza sociale, cultura, istruzione e sport” apre il caso.

«L’hospice previsto all’Ipab Mariutto verrà dirottato in una struttura privata di Scorzè (Anni Sereni, ndr)».

Da un istituto pubblico a una struttura privata, per Petrolito ci sono tutti i motivi per essere contrariati: «È una scelta non argomentata», spiega il consigliere (e medico), «un servizio per malati terminali dev’essere in una sede vicina a una struttura sanitaria ospedaliera, come Mirano, la struttura dev’essere facilmente raggiungibile dai familiari, spesso anziani e fragili e deve quindi essere in una località centrale rispetto al territorio dell’Usl, collegata da servizi pubblici di trasporto. È evidente che la collocazione prevista in origine al Mariutto è la più idonea, al contrario della scelta successiva di Scorzè. I consiglieri regionali dimostrino un interessamento all’hospice come l’hanno dimostrato per l’ospedale di Noale».

Replica il direttore generale dell’Asl 13, Gino Gumirato: «I posti dell’hospice sono stati rifiutati dal Mariutto, al quale erano stati proposti. Ogni giorno c’è un insensato tiro al bersaglio: in questo territorio manca una visione costruttiva e un attaccamento alle sorti dell’Usl, non si fa altro che ostacolarne lo sviluppo».

Sempre dal Pd il consigliere regionale Bruno Pigozzo aggiusta il tiro: «Ci sono due questioni: una è Noale, l’altra i 71 posti

di strutture intermedie da gestire nel territorio in sede di conferenza dei sindaci. Il Mariutto è stato scelto per un’unità riabilitativa da 20 posti, altri 11 per le cure palliative saranno a Scorzè. Ne restano 40 per la Riviera, alcuni ancora senza destinazione».

Filippo De Gaspari

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista