Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Palloncini in cielo per l'ultimo viaggio di "Giamma"

Mercoledì l'addio a Gianmarco Brussolo, il 22enne di San Stino morto il 1 aprile in un incidente in moto. In chiesa tantissimi amici stretti alla famiglia

SAN STINO. Palloncini bianchi e uno solo azzurro sono stati liberati mercoledì pomeriggio al termine del funerale di Gianmarco Brussolo, il 22enne sanstinese morto in un incidente in moto il 1 aprile mentre percorreva via Gaffaree. Il suono delle campane li ha accompagnati in cielo, mentre la bara di legno chiaro abbandonava il sagrato per l'ultimo viaggio di “Giamma” verso il vicino cimitero.

L'ultimo saluto a "Giamma"
Lacrime e palloncini in cielo per l'ultimo saluto a "Giamma"

Durante la cerimonia funebre, nelle prime file c'erano tutti coloro che volevano bene a “Giam ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN STINO. Palloncini bianchi e uno solo azzurro sono stati liberati mercoledì pomeriggio al termine del funerale di Gianmarco Brussolo, il 22enne sanstinese morto in un incidente in moto il 1 aprile mentre percorreva via Gaffaree. Il suono delle campane li ha accompagnati in cielo, mentre la bara di legno chiaro abbandonava il sagrato per l'ultimo viaggio di “Giamma” verso il vicino cimitero.

L'ultimo saluto a "Giamma"
Lacrime e palloncini in cielo per l'ultimo saluto a "Giamma"

Durante la cerimonia funebre, nelle prime file c'erano tutti coloro che volevano bene a “Giamma”. C'erano gli amici dell'Asd Fighters Team, la società di kickboxing di Portogruaro; c'erano gli amici e colleghi dell'Hafro, l'azienda di San Stino per la quale lavorava, assicurandosi il futuro con la sua amatissima Susy.

Il parroco don Armando Pupulin ha pronunciato un'omelia sobria. “Sarebbe meglio non dire niente, l'amore è più forte della morte. Per questo, noi siamo qui. Gesù partecipa con noi. Piange con noi. Gesù sostiene chi ha perduto per sempre il proprio caro, lo aveva fatto anche quando morì il suo amico Lazzaro”.