Quotidiani locali

Causò la morte di un centauro: patteggia

FIESSO. Lui, Marco Malagò, 55 anni, di Fiesso d'Artico, era al volante di un autocarro a velocità moderata. Lei, Patrizia Galato, 57 anni, cuoca all'asilo parrocchiale di Noventa Padovana, stava...

FIESSO. Lui, Marco Malagò, 55 anni, di Fiesso d'Artico, era al volante di un autocarro a velocità moderata. Lei, Patrizia Galato, 57 anni, cuoca all'asilo parrocchiale di Noventa Padovana, stava viaggiando in sella al suo scooter Liberty Piaggio, percorrendo via Vigonovese, per rientrare nella sua abitazione di Tombelle. Il destino dei due si è tragicamente incrociato. Forse lo spostamento d’aria aveva sbilanciato la motociclista, forse il camionista non aveva preso la giusta distanza costringendo la donna a una brusca manovra contro lo spartitraffico che le è stata fatale. Davanti al gup padovano Lara Fortuna, ieri Marco Malagò (difeso dall’avvocato Lorenzo Locatelli) ha patteggiato 10 mesi di carcere ottenendo la sospensione condizionale della pena. In aula nessuna parte civile: i familiari della vittima erano già stati risarciti dalla compagnia assicuratrice con un milione di euro complessivi. Il camionista era finito nel registro degli indagati per omicidio colposo. Non solo.

Secondo i risultati dell’inchiesta, coordinata dal pm Sergio Dini, non aveva rispettato il divieto di transito lungo via Vigonovese stabilito per i veicoli di massa superiore a 3,5 tonnellate; inoltre aveva superato lo scooter nonostante il divieto

di sorpasso, provocando la caduta della motociclista che era morta all’istante. L’incidente era accaduto il 19 febbraio 2014, intorno alle18, lungo via Vigonovese a un centinaio di metri dall’incrocio con via Zago lungo un tratto di strada in parte bagnato a causa della pioggia pomeridiana.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista