Quotidiani locali

i forti di cavallino

«Grande Guerra, turismo trascurato»

CAVALLINO. «Molti club e associazioni provenienti da Veneto e altre regioni, ma anche dall’estero, nelle loro escursioni storico-culturali per il Centenario della Grande Guerra, stanno arrivando sul...

CAVALLINO. «Molti club e associazioni provenienti da Veneto e altre regioni, ma anche dall’estero, nelle loro escursioni storico-culturali per il Centenario della Grande Guerra, stanno arrivando sul litorale a visitare i forti e le torri telemetriche ma non esistono servizi guida predisposti dal Comune e nemmeno facilitazioni di accesso ai siti storici per i pullman obbligati dalla Ztl a percorrere solo la provinciale Fausta».

A segnalarlo è il giornalista e ricercatore storico Furio Lazzarini che si è occupato personalmente delle visite guidate raccontando la genesi delle fortificazioni e il loro impiego bellico dal 1917 quando il fronte raggiunse il margine orientale della laguna di Venezia.

«Ricevo molte richieste di visita, una media di due o tre comitive a settimana», spiega «credo che il Comune dovrebbe iniziare a gestire questi flussi turistici in modo razionale perché gli arrivi aumenteranno notevolmente con la bella stagione. Penso a un servizio guida garantito a livello assicurativo in siti che spesso si trovano in situazione di abbandono oltre a deroghe alla Ztl che vieta il transito degli autobus fino ai forti».

Nei giorni scorsi si è svolta l’escursione “La Via dei Forti” organizzata dalla Polisportiva Litorale Nord con 120 praticanti di Nordic Walking seguita da 50 appartenenti all’associazione “La Grande Guerra” di Mogliano che hanno visitato Forte Treporti e le batterie Amalfi e Vettor Pisani. «Siamo rimasti sorpresi del patrimonio storico che abbiamo scoperto a Cavallino-Treporti», ha dichiarato il generale Giuseppe Frascella. presidente de “La Grande Guerra”, «siamo davvero entusiasti di quanto qui visto e appreso».

«Il turismo storico sul litorale da adesso si intensificherà con un probabile primo apice attorno al 24 maggio 2015, centenario dell’entrata in guerra dell’Italia»,

ribadisce Lazzarini, «dimostrando ancor più il grande potenziale costituito da queste fortificazioni che, una volta recuperate e rese completamente agibili, diverrebbero fonte di nuovo turismo fuori stagione, e di sviluppo economico per il nostro territorio».

Francesco Macaluso

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori