Quotidiani locali

Maxi schianto a Quarto tre auto coinvolte, 11 feriti

Incidente ieri mattina in località Trezze: gli occupanti dei mezzi erano giovani tra i 25 e i 35 anni e sono stati portati in tre ospedali. Strada bloccata per ore

QUARTO D'ALTINO. Spettacolare incidente sulla strada per il mare Portegrandi Caposile. Uno schianto tra tre auto, in via Trezze, località Quarto d'Altino, all’altezza di Ca’ Favorita, con ben 11 feriti. Intorno alle 8 di ieri mattina, per cause in corso di accertamento da parte dei carabinieri di San Donà, tre auto, un’Audi A6 di Vicenza, una Opel Corsa e una utilitaria Suzuky, si sono scontrate sulla Portegrandi-Caposile.

Uno scontro violento e impressionante, con l’Audi rimasta in mezzo alla strada e le altre due utilitarie schiacciate sul guardrail. All'interno dei vari abitacoli, i feriti intrappolati tra le lamiere contorte in attesa dei soccorsi che sono arrivati quasi subito grazie all’allarme lanciato da altri automobilisti che si sono fermati per vedere cosa fosse accaduto e se ci fossero feriti gravi o peggio ancora dei deceduti.

Erano invece tutti coscienti, anche se feriti e alcuni sanguinanti con lesioni piuttosto evidenti. Sembra che ci sia stato prima uno scontro frontale, conseguenza di un sorpasso, e poi un tamponamento, secondo i primi accertamenti effettuati sul posto.

Le auto sono rimaste in mezzo alla strada, senza fortunatamente sfondare il guardrail e piombare nel canale. Il bilancio dei feriti è di 11 persone, giovani compresi tra i 25 e i 35 anni, dei quali sei portati all’ospedale di Mestre, quattro a quello di San Donà, e uno a Treviso, il più grave, con un trauma facciale e una sospetta frattura del bacino.

Alcuni dei giovani coinvolti nello schianto sono vicentini di Valdagno, altri invece di Mirano. Massiccia la mobilitazione delle forze dell’ordine. Sul posto, i vigili del fuoco di Mestre con i carabinieri della compagnia di San Donà e della stazione di Meolo per i rilievi e la ricostruzione complessa della dinamica.

I rilievi sono proseguiti fino a poco prima di mezzogiorno. La strada è rimasta chiusa per alcune ore e si è formata una lunga coda dalla direzione Mestre Venezia, quasi tutti pendolari che si stavano dirigendo vero il litorale, approfittando dell’improvvisa giornata di sole.

Una strada molto trafficata nelle domeniche d'estate, teatro di numerosi gravi incidenti stradali, molti dei quali purtroppo hanno avuto conseguenze gravi e anche mortali per gli automobilisti coinvolti.

È una strada

abbastanza stretta, che invita a premere l'acceleratore perchè lunga e diritta fino al territorio di Caposile, a Musile di Piave, ma ogni distrazione può essere fatale soprattutto in fase di sorpasso quando gli spazi non concedono manovre all'ultimo istante.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista