Quotidiani locali

l’omicidio di campagna lupia

L’avvocato di Minto «Giusto liberarlo» Stasera la fiaccolata

CAMPAGNA LUPIA. «La decisione del Tribunale di concedere gli arresti domiciliari a Guerrino Minto è giusta. Si tratta di un uomo che ha più di 70 anni e il giudice ha valutato nella condanna, anche l’...

CAMPAGNA LUPIA. «La decisione del Tribunale di concedere gli arresti domiciliari a Guerrino Minto è giusta. Si tratta di un uomo che ha più di 70 anni e il giudice ha valutato nella condanna, anche l’irripetibilità e l’assoluta unicità del gesto. Guerrino infatti ha colpito il figlio Alessandro con un colpo solo e la sua disperazione per il gesto compiuto è grandissima».

Interviene Giorgio Pietramala, l’avvocato di Minto, dopo le pesanti accuse della mamma di Alessandro Minto, Lucia Ilieva, che ha denunciato come incomprensibile la decisione di concedere gli arresti domiciliari all’assassino del figlio.

La mamma ha minacciato di recarsi a Roma nella sede del ministro di Giustizia per protestare. «Alla decisione del giudice», ricorda l’avvocato Giorgio Pietramala, «non si è opposto nemmeno il pubblico ministero. Guerrino non è un violento e ha offerto subito versandoli già in sede dibattimentale 40 mila euro a titolo risarcitorio alla mamma di Alessandro. Ora sconterà la sua pena in una comunità».

Mamma Lucia nel suo sfogo aveva anche detto che il sindaco Fabio Livieri non è il benvenuto alla manifestazione, che si terrà stasera in ricordo del figlio di 21 anni morto un anno fa. La donna accusa il sindaco di Campagna Lupia di aver messo tanti ostacoli anche per la realizzazione dell’iniziativa.

In ogni caso stasera a Campagna Lupia si terrà una fiaccolata in ricordo di Alessandro. Il ritrovo è davanti alla chiesa del paese alle 20. Si terrà quindi la messa e alla fine della cerimonia religiosa saranno liberati 21 palloncini in ricordo di Alessandro uno per ogni anno della sua breve vita.

Ci saranno anche dei cartelloni fuori della chiesa, uno con la poesia di Sant’Agostino “La morte non è nulla” e un altro con i ricordi di Alessandro e la foto della sua barca. Ci sarà un corteo fino al cimitero

del paese con una breve commemorazione alla tomba e poi una fiaccolata fino al municipio dove i ragazzi gli amici e chi vorrà unirsi ricorderanno Alessandro e chi è stato. Gli amici del giovane si ritroveranno anche domani per una pizza.

Alessandro Abbadir

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista