Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Controlli al cuore gratuiti ai cittadini oggi dalle 9 alle 12.30

CONA. L’équipe di Cardiologia esce dall’ospedale per una campagna di prevenzione contro l’ipertensione e le malattie cardiovascolari. Oggi, dalle 9 alle 12.30, il primario Roberto Valle, la sua...

CONA. L’équipe di Cardiologia esce dall’ospedale per una campagna di prevenzione contro l’ipertensione e le malattie cardiovascolari. Oggi, dalle 9 alle 12.30, il primario Roberto Valle, la sua équipe e i volontari di Cuore Amico saranno a Cona, in un gazebo di fronte alla chiesa, per misurare gratuitamente la pressione arteriosa e eseguire elettrocardiogrammi, oltre a fornire indicazioni su altri fattori di rischio come colesterolo e glicemia.

Oggi saranno a Cona in occasione della Giornat ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CONA. L’équipe di Cardiologia esce dall’ospedale per una campagna di prevenzione contro l’ipertensione e le malattie cardiovascolari. Oggi, dalle 9 alle 12.30, il primario Roberto Valle, la sua équipe e i volontari di Cuore Amico saranno a Cona, in un gazebo di fronte alla chiesa, per misurare gratuitamente la pressione arteriosa e eseguire elettrocardiogrammi, oltre a fornire indicazioni su altri fattori di rischio come colesterolo e glicemia.

Oggi saranno a Cona in occasione della Giornata mondiale contro l’ipertensione, di seguito toccherà a Chioggia, Cavarzere, Pellestrina e Valli. «L’ipertensione», spiega il primario, «è molto frequente nella popolazione e aumenta con l’età. Storicamente era una delle principali cause delle più gravi malattie cardiovascolari: infarto, ictus cerebrale, insufficienza renale. Negli ultimi trent’anni si sono resi disponibili nuovi farmaci che sono in grado di ridurre i valori pressori, ma la situazione non è ottimale. La percentuale di pazienti in cura è insufficiente perché non c’è ancora la consapevolezza dell’importanza di conoscere i propri valori di pressione e eventualmente di correggerli, qualora risultassero elevati». (e.b.a.)