Menu

Lotta all’abusivismo, oggi la prova dei “droni”

Jesolo. Sindaco e comandante dei vigili sperimentano il sistema di sorveglianza. L’obiettivo è scoprire magazzini e zone di smercio delle griffe contraffatte

JESOLO. Droni sui cieli di Jesolo, oggi, tempo permettendo, ci sarà la prima sperimentazione dei micro velivoli ultraleggeri, che necessitano di specifici patentini, per pattugliare il cielo in un’area molto vasta.

Nella zona di via Martin Luther King, il comando della polizia locale, con il comandante Claudio Vanin, quindi l'assessore alla sicurezza Luigi Rizzo e il sindaco, Valerio Zoggia, presenzieranno alla dimostrazione coordinata da una ditta di Cuneo che fornirebbe le dotazioni e gli esperti "piloti" dei velivoli. Verranno dunque valutati attentamente i costi per deciderne l'impiego già a partire da quest'estate. In realtà lo stesso Comune potrebbe acquistare i droni che hanno un costo medio di 15, 20 mila euro e addestrare gli agenti della polizia locale ad usarli, in modo di averli sempre a disposizione e non solo su “chiamata”.

Il primo obiettivo di questo progetto è il contrasto alla vendita di merce contraffatta. Con i droni sarà possibile localizzare magazzini, zone di smercio dei "borsoni" e i luoghi di ritrovo di quella delinquenza che prolifera in modo smisurato attorno a questi ambienti che Jesolo vuole contrastare con fermezza. Si possono impiegare però anche per la ricerca di una persona scomparsa o per verificare in pochi minuti i danni provocati da una calamità naturale, come può essere un’alluvione o, nel caso di Jesolo in particolare, una grande mareggiata. Possono avere utilizzi nella protezione civile o in azioni di polizia.

I privati li utilizzano anche per filmare un video-cinema a grandi effetti speciali e per hobby. Il loro impiego è sempre più diffuso, pur implicando spesso problemi di privacy e autorizzazioni al volo nei cieli. Il Comune e il comando di polizia locale stanno valutando seriamente e oggi decideranno cosa fare.

Il sindaco Valerio Zoggia e l’assessore alla sicurezza Luigi Rizzo hanno puntato molto sull’innovazione della polizia locale che infatti è da anni impegnata con la polizia di Stato, carabinieri, guardia di finanza, capitaneria di porto, nella lotta al crimine in tutto il territorio jesolano. Gli agenti del comando di Jesolo sono costantemente impegnati nel contrasto all'abusivismo

commerciale che ha visto il comandante Claudio Vanin sequestrare migliaia di capi con griffe contraffatte o senza autorizzazioni. Azioni che già sono iniziate con i primi giorni di bel tempo e già i primi sequestri sulla spiaggia.

Giovanni Cagnassi

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro