Menu

Malati in casa, arrivano i rimborsi

L’Asl liquida 1,5 milioni di euro per 900 famiglie di Chioggia, Cavarzere a Cona

CHIOGGIA. In arrivo gli “assegni di cura” per oltre 900 famiglie di Chioggia, Cavarzere e Cona. In anticipo rispetto alla scadenza fissata dalla Regione, l’Asl 14 ha dato mandato ai comuni di liquidare le famiglie beneficiarie che riceveranno contributi fino a 1.500 euro al mese.

L’Asl 14 ha girato ai tre comuni una somma ingente, 1.534.780 euro (902.760 a Chioggia, 533.900 a Cavarzere e 98.120 a Cona). La delibera 164 della giunta regionale dello scorso febbraio stabiliva che le Asl provvedessero al mandato di pagamento entro il 28 marzo, ma l’azienda sanitaria clodiense ha chiuso l’istruttoria con due settimane di anticipo evitando le polemiche degli anni scorsi per i ritardi.

Gli assegni di cura, per seguire a domicilio persone non autosufficienti, andranno a sostegno di 912 famiglie (488 a Chioggia, 374 a Cavarzere e 50 a Cona). Le modalità per l’erogazione dei contributi per le cure domiciliari sono recentemente cambiate.

Dal 2013 l’assegno è stato sostituito dall’impegnativa di cura domiciliare (Icd). Gli importi sono stati predefiniti in base a graduatorie che tengono conto della gravità del bisogno assistenziale e della condizione economica della famiglia, rilevata con la scheda Isee. Per il 2013 il contributo verrà liquidato in un’unica soluzione, ma entro la fine di quest’anno si dovrebbe arrivare all’erogazione mensile o trimestrale.

«Il nostro obiettivo», spiega il direttore generale dell’Asl 14, Giuseppe

Dal Ben, «è fornire cure appropriate, assistenza efficace ed efficiente, servizi di qualità e sostegni tempestivi. Tutto questo significa mettere al centro le persone fragili e le famiglie che decidono di accudire i loro cari in difficoltà dentro le mura domestiche». (e.b.a.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro