Quotidiani locali

Tumulazione gratuita per i preti

Jesolo. Sel contro la delibera di giunta: «Sia valida anche per le altre religioni»

JESOLO. Sacerdoti tumulati gratuitamente a Jesolo, è polemica. Salvatore Esposito e il Sel sollevano quello che ritengono un altro caso di discriminazione, dopo aver denunciato la questione del bonus per la casa ai soli residenti e cittadini italiani. «Con delibera 302 del 23 ottobre 2013», ricorda Esposito, «la giunta comunale di Jesolo, presenti il sindaco Zoggia, il vice-sindaco Rugolotto e gli assessori Bergamo, Donadello e Valiante, assente Rizzo, con voto unanime, è stata approvata integralmente la proposta di deliberazione n. 2013/47 del 21/10/2013. E con tale delibera si decide appunto la tumulazione a titolo gratuito delle salme dei sacerdoti di culto cattolico che hanno prestato servizio nel Comune».

«Fermo restando», aggiunge «il profondo rispetto verso i sacerdoti stessi, chiediamo che ci vengano chiariti due punti che riteniamo fondamentali in nome della chiarezza al fine di allontanare qualsivoglia dubbio di discriminazione. Chiediamo quindi di sapere», conclude Esposito «a quanto ammontano i costi di cui si fa carico il Comune di Jesolo e soprattutto chiediamo di capire come mai il Comune sopporta tali costi. Fondamentale anche capire se tale gratuità verrà estesa anche agli eventuali sacerdoti di altre religioni non cattoliche nel caso in cui si dovessero ravvisare tali accadimenti nel Comune di Jesolo».

È l'ennesimo motivo di scontro con l'amministrazione comunale in merito a presunte discriminazioni. Secondo Esposito e compagni,

anche in questo caso si profilerebbe una fattispecie simile a quelli che precedentemente hanno costretto l'aministrazione a modificare bandi e delibere dopo che Sel aveva fatto una serie di segnalazioni formali arrivando fino a Roma.

Giovanni Cagnassi

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare