Quotidiani locali

“Triestina” troppo pericolosa arrivano due autovelox Musile

Previsto un sopralluogo dell’Anas. Il sindaco Forcolin: «Bisogna mettere in sicurezza questo tratto di strada»

MUSILE. Petizioni in serie per chiedere la messa in sicurezza del tratto della Triestina che attraversa Musile. Dopo quella presentata dai residenti di Tre Scalini, nei giorni scorsi è giunta in municipio un’altra petizione, sottoscritta da 23 firmatari che chiedono di rendere meno pericoloso lo sbocco di via Damiano Chiesa sulla Triestina.

Per affrontare la questione Statale 14, nei prossimi giorni i tecnici dell’Anas sono attesi a Musile per un sopralluogo insieme al Comune. Si discuterà di tutte le problematiche aperte sul tratto di statale che va dal ponte della Vittoria alla Fossetta. Tra gli interventi da attuare, si parla del posizionamento di due autovelox fissi sul rettilineo dopo Tre Scalini, la realizzazione di una piazzola per mettere in sicurezza la fermata dell’autobus sul ciglio destro, mentre per gli incroci pericolosi si potrebbe optare per dei portali luminosi lampeggianti che segnalino il pericolo.

La decisione del sopralluogo è stata presa in seguito a un incontro che il sindaco Gianluca Forcolin e l’assessore Alferio Persico hanno avuto con l’Anas. «La petizione riguardante l’incrocio di via Damiano Chiesa si somma alla raccolta di firme che abbiamo ricevuto qualche tempo fa riguardante la località Tre Scalini», spiega il sindaco Forcolin, «anche in seguito a queste petizioni, abbiamo avuto un importante incontro con il capo dipartimento Veneto dell’Anas, l’ingegner Ettore De la Grennelais, che ringrazio per aver compreso l’urgenza della questione. Il capo dipartimento ci ha assicurato la sua disponibilità e quella dei funzionari dell’Anas per effettuare un sopralluogo con i tecnici comunali e il comandante della polizia locale, per dare seguito in tempi brevi alla sistemazione delle questioni strategiche rimaste ancora da definire».

Dell’ipotesi di collocare degli autovelox fissi dopo la località Tre Scalini si parla ormai da molti

anni, anche perché più volte richiesti dai residenti. Ma finora il progetto non si era mai concretizzato, a causa del variare delle norme del Codice della Strada relative a questi impianti, ma adesso sembra che si arrivata la volta buona.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE PER GLI AUTORI

Stampare un libro, ecco come risparmiare