Quotidiani locali

INTERNET

Sito specializzato per favorire le adozioni dei mici

È online il nuovo sito www.imicidifortemarghera.it, uno spazio - si legge - di condivisione nato tra i volontari, con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo delle attività delle persone impegnate ogni...

È online il nuovo sito www.imicidifortemarghera.it, uno spazio - si legge - di condivisione nato tra i volontari, con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo delle attività delle persone impegnate ogni giorno nell’assistenza di gatti abbandonati o smarriti, provvedendo al loro soccorso, alle cure mediche necessarie e al loro sostentamento alimentare sino all’avvenuta riabilitazione. «Il mantenimento e la cura di questi esemplari», è specificato nelle premesse, «ha il solo traguardo di assicurare a ciascuno l’opportunità di una adozione in famiglia, ecco lo scopo per cui è stato realizzato il nuovo sito. Gli spazi di degenza a disposizione sono chiaramente limitati, di conseguenza per poter soccorrere un micio in difficoltà abbiamo bisogno di provvedere contestualmente ad un’adozione».

Visitando il sito, realizzato e curato dalla Dingo, ma pensato come uno spazio aperto dove anche le altre associazioni possono inserire foto di gatti che hanno bisogno di una casa, un tetto e tanto affetto, c’è la sezione “mici in adozione”. Ci sono Miky, dal pelo bianchissimo come la neve, Emily, un batuffolo tutto nero, Sophie, Tempesta, Adone, Mimì, metà musetto di un colore e metà di una altro, ad ogni micio un nome che ne rispecchia un particolare o un lato del carattere. Ci sono i gatti che hanno trovato una famiglia come Minù, Garibaldi, Belfusto, Zoe e quelli che invece compongono

la colonia felina, quelli più e meno anziani, abituati a vivere tutti assieme, a correre nei prati, a stare all’aria aperta.

Tante le visualizzazioni da quando la pagina è on-line, ma ancora troppe poche adozioni e famiglie pronte ad offrire una casa a questi dolci animali. (m.a.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie